Conservazione degli alimenti con il calore

Gli enzimi e i microorganismi sono molto sensibili al calore, quindi uno dei più efficaci metodi per prolungare la durata degli alimenti è quello di sottoporli ad alte temperature.

Gli enzimi vengono inattivati in pochi minuti a temperature tra i 50 e gli 80 gradi, poiché essi sono costituiti da proteine, che denaturano a queste temperature.

I microorganismi sono particolarmente sensibili al calore umido, che tende a coagulare le proteine. I più resistenti sono quelli sporigeni, come il Clostridium botulinum (il botulino), che resiste al calore umido fino a 20 minuti a 120 gradi, mentre la maggio parte delle forme vegetative muore a temperature di 60-70 gradi in 10 minuti, sempre per esposizione al calore umido.

La composizione chimica ma soprattutto il grado di acidità influenzano molto la termoresistenza dei microorganismo.

Gli alimenti acidi, con pH inferiore a 4.5, non consentono lo sviluppo degli organismi sporigeni (come l'antrace e il botulino), e necessitano quindi di trattamenti molto più blandi, poiché le altre fonti di contaminazione sono molto meno resistenti, come si può vedere dalla tabella che segue.

Questa tabella riporta il cosiddetto Tempo di Morte Termica: il tempo che occorre per uccidere un microrganismo ad una certa temperatura.

MICRORGANISMI MINUTI GRADI CELSIUS
Salmonella typhosa 4,3 60
Staphilococcus aureua 18,8 60
Escherichia coli 20-30 57
Streptococcus thermophilus 15 70-75
Lactobacillus bulgaricus 30 71
SPORE DI:
Bacillus anthracis 1,7 100
Bacillus subtilis 15-20 100
Clostridium botulinum 100-330 100
Clostridium calidotolerans 520 100

Chimica degli alimenti - Cappelli, Vannucchi - Zanichelli

 

 

ALIMENTI AD ALTA ACIDITÁ (pH < 4.5) pH
Mele 3.4
Ciliege 3.5
Succo di limone 2.4
Pesche 3.8
Pere 4.1
Sott'aceti 3.9
Succo di pomodoro 4.3
Succo d'arancia 3.7

ALIMENTI A BASSA ACIDITÁ (pH > 4.5) pH
Asparagi 5.5
Fagioli 5.4
Carote 5.2
Fichi 5.0
Funghi 5.8
Patate 5.2
Spinaci 5.4

pH MEDIO DI ALCUNI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE pH
Latte 6.4
Burro 6.3
Crema 6.5
Yogurt 4.2
Fromaggi duri stagionati 5.4
Pesce 6.5
Vitello 6.0
Pollo 6.3
Prosciutto 6.0

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.