Disidratazione e alimenti disidratati

L'attività degli enzimi e la vita dei microorganismi necessita della presenza di acqua allo stato liquido.

L'acqua utilizzabile non è tutta quella presente nell'alimento ma solo quella libera, effettivamente disponibile.

L'eliminazione completa o parziale di una parte dell'acqua libera presente nell'alimento costituisce un metodo per la sua conservazione.

Per ridurre l'acqua libera ci sono due possibilità:

  • ridurre l'acqua totale, e allora si parla di concentrazione o essicamento;
  • agire solo quella libera, aggiungendo sostanze naturali (sale, zucchero, ecc.) che sottraggono quest'ultima aumentando la concentrazione della soluzione .

La disidratazione delle cellule microbiche causa l'arresto delle attività metabolica, e l'uccisione di alcune specie di microorganismi. Le spore batteriche non vengono uccise dalla disidratazione.

Gli alimenti disidratati si distinguono a seconda del contenuto residuo di acqua libera: avremo alimenti ad elevata e media umidità, e alimenti a bassa umidità.

Gli alimenti ad elevata e media umidità non possono essere conservati a lungo, e devono quindi sfruttare anche altri metodi di conservazione: è il caso di formaggi e insaccati (che utilizzano le proprietà di conservazione del sale), confetture, biscotti, frutta disidratata.

Gli alimenti a bassa umidità sono stabili per lunghi periodi poiché i microorganismi vengono inibiti completamente dall'assenza quasi totale di acqua libera: è importante però evitare che l'umidità dell'ambiente penetri nell'alimento.

 

 

 

 

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Ormoni negli alimenti: c'è davvero un pericolo nel consumo della carne?

Gli ormoni nella carne sono percepiti come uno dei problemi principali del consumo degli alimenti di origine animale. Ma è veramente così?


Corbezzolo

Il Corbezzolo è considerato in Italia un frutto nazionale per via dei suoi colori.


Cocomero

Il cocomero o anguria è un frutto originario dell'Africa dalla polpa rossa e dai molti semi neri e gialli.


Palma da cocco e noce di cocco

La palma da cocco, la noce di cocco, il latte di cocco e tutto ciò che c'è da sapere su questo frutto esotico.

 


Ciliegie

Le ciliegie e i duroni: caratteristiche, valori nutrizionali, epoca di maturazione e descrizione di tutte le varietà coltivate in Italia.


Chinotto

Il Chinotto, l'agrume dal quale si ricava la bevanda omonima.


Cedro

Il cedro, un agrume molto antico, di cui si conoscono tantissime varietà coltivate anche in Italia.


Castagne

Le castagne e i marroni, un frutto atipico molto ricco di carboidrati.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.