Micotossine

Le micotossine sono sostanze tossiche, spesso cancerogene, prodotte dalle muffe che facilmente contaminano le derrate alimentari.

La contaminazione può avvenire direttamente in campo, nei semilavorati o nei prodotti finiti mal conservati.

Le condizioni ambientali condizionanano notevolmente la possibilità di svilupparsi di queste muffe e delle relative micotossine.

Le micotossine più note sono le aflatossine e le tossine dell'ergotismo.

Ecco un elenco delle micotossine più note (da Residui, additivi e contaminanti negli alimenti di Giuseppe Cerutti, Tecniche Nuove):

  • acido aspergillico, da Aspergillus niger e da Aspergillus flavus;
  • acido ciclopiazonico, da Penicillium cyclopium;
  • acido ossalico, da Aspergillus niger e da Aspergillus chevalieri;
  • acido penicillico, da Aspergillus ochraceus eda Penicillium spPenicillium;
  • aflatossine (Bl, Bz, G1, G2, M), da Aspergillus flavus e da Aspergillus parasiticus; alternariolo, da Alternaria Penicillium;
  • butenolide, da Fusarium nivale e da Fusarium tricinctum; citreoviridina, da Penicillium Citroeviride e da Penicillium ochrasalmoneum;
  • Citrinina, da Aspergillus terreus e da Penicillium citrinum;
  • deossinivalenolo (DON), da Fusarium culmorum e da Fusarium graminearum; diacetossiscirpenolo (DAS), da Fusarium scirpi e da Fusarium tricinctum;
  • fattore tremorigeno, da Penicillium crustorum e da Aspergillus Penicillium;
  • fumonisine, da Fusarium monilifonne;
  • fusarenone, da Fusarium nivale;
  • ocratossine (A e B), da Aspergillus ochraceus e da Penicillium viridicatum; patulina, da Penicillium patulum, Penicillium expansum e Aspergillus giganteus;
  • rubratossine (A e B), da Penicillium rubrum e da Penicillium purpurogenum; -sporofusariogenina, da Fusarium poae, fusaproliferina;
  • stachibotriotossine (A e B), da Stachybotrys atra;
  • sterigmatocistina, da Aspergillus nidulans e da Bipolaris spPenicillium; tossina HT-2, da E tricinctum, Fusarium poae, Fusarium sporatrìchioides;
  • tossina T-2, da Fusarium equiseti, Fusarium oxysporum, Fusarium solani, Fusarium roseum, Fusarium poae; viridicatina, da Penicillium viridicatum e da Penicillium cyc10pium; -zearalenone, da Fusarium graminearum.

 

 

 

Micotossine

Le muffe che producono tossine vangono anche classificate a seconda del modo in cui si producono:

  • muffe da campo: invadono i vegetali prima della raccolta. Si tratta di specie Alternaria, Cladosparium e Fusarium;
  • muffe da magazzinaggio, che si sviluppano facilmente quando l'umidità dei prodotti oscilla fra 13 e 18%;
  • muffe da degradazione o decadimento (cattiva conservazione).

Oggi le micotossine vengono facilmente rilevate con la tecnica della cromatografia su strato sottile che consente di ridurre falsi risultati positivi, che in passato hanno comportato notevoli danni economici e di immagine.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Molluschi bivalvi

I molluschi bivalvi: caratteristiche, varietà e curiosità di questo affascinante mondo animale.


Istamina negli alimenti: cos'è e quali sono i danni dell'intossicazione da ammine biogene

L'istamina è una delle ammine biogene che possono contaminare gli alimenti e dare origine a malattie a comparsa improvvisa: ecco come evitare di ingerirla.


Patate

Le patate: arrivate nel Cinquecento in Europa sono uno degli ingredienti di base della cucina italiana e di tutto il mondo.


Insalata

L'insalata: un mix di alimenti, non solo ortaggi, che vengono conditi con olio, sale e aceto e consumato freddo.

 


Ginger ale e Ginger beer

Ginger ale e Ginger beer, due soft drinks al gusto di zenzero.


Biotossine algali: come difendersi da un pericolo che viene dal mare

Le biotossine algali sono tossine prodotte dalle alghe che possono essere letali per l'uomo, se consumate: ecco che cosa sono e dome difendersi.


Leccia

Leccia: la pesca, reperibilità, la preparazione e le ricette.


Abbinamento cibo-vino

L'abbinamento cibo-vino (non solo AIS): quali semplici regole bisogna seguire?