Micotossine dell'ergotismo

Le micotossine sono sostanze tossiche prodotte da muffe che colpiscono gli alimenti in campo, durante lo stoccaggio o durante la conservazione.

Tra le manifestazioni più importanti di intossicazioni da micotossine troviamo le aflatossine e l'ergotismo, patologia chiamata anche Fuoco di Sant'Antonio o Ignis sacer, causata dalla farina di segale contaminata dalla muffa Claviceps purpurea, un ascomicete del genere Claviceps, parassita delle graminacee, il cui nome comune è ergot, dal francese "sperone".

Questa muffa genera nelle piante infette degli sclerozi simili a speroni o delle escrescenze a forma di corna, da cui il nome di "segale cornuta" per indicare il cereale attaccato dalla muffa.

Gli sclerozi della segale contaminata (che sono i corpi fruttiferi del fungo) contengono diverse sostanze tossiche, tra cui alcaloidi velenosi o psicoattivi del gruppo delle ergotine (tra cui l'acido lisergico), che vengono anche utilizzati in medicina, per esempio come sostanze che favoriscono il parto.

Ergotismo

L'ergotismo ha colpito soprattutto nel medioevo e nei secoli a seguire, ma non mancano gli esempi recenti (anche se persistono dubbi sull'origine dell'intossicazione), come quello accaduto in Francia nel 1951, con 150 persone colpite e 4 decessi.

Secondo alcuni storici l'ergotismo causò diversi fatti molto importanti, come la caccia alle streghe e addirittura la rivoluzione francese, poiché i contadini, sotto l'effetto degli alcaloidi della segale cornuta, si sarebbero improvvisamente ribellati al clero e alla nobilità, che avevano ossequiato fino ad allora.

 

 

La prevenzione dell'ergotismo si effettua tramite l'esame attento della segale prima della macinazione, senza dimenticare che anche altri cereali potrebbero venire infestati da Claviceps purpurea. ll cereale infetto deve venire immediatamente rimosso.

Oggi i casi di intossicazione umana sono rarissimi, più frequenti le intossicazioni animali, poiché i foraggi sono meno controllati rispetto ai cereali destinati all'alimentazione umana.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.