Elisir di china

L'elisir di china, o elixir di china, è una bevanda a base di estratti alcolici della corteccia della pianta di china, la cinchona calissaja, che ha un colore molto scuro, quasi nero, una consistenza densa e vellutata e una gradazione di circa 30% alcolici.

Il liquore di china ha un gusto molto aromatico, balsamico, secco e amaro-dolce. 

A seconda delle stagioni, può essere bevuto caldo con limone e zucchero come corroborante e contro il raffreddore, oppure freddo con ghiaccio come rinfrescante, o ancora aggiunto a vari cocktail tra i quali lo spritz. Lo spritz fatto con la china (la più famosa la China Martini di Martini & Rossi di Torino) ha un sapore molto particolare, agrumato e balsamico.

Storia della china

China Martini

L'elisir di china affonda le sue origini durante il Settecento, quando esisteva già una bevanda simile che era usata per scopi farmaceutici, principalmente per sconfiggere la malaria. La pianta di china, diffusa originariamente solo nelle Ande, fu analizzata e si scoprì che gli alcaloidi presenti nella corteccia, dai quali si estrave il chinino, avevano qualità eupeptiche e utili a sconfiggere la malaria.

Durante il Novecento, da quando la malaria non è più un problema per il mondo occidentale, la china si beve e si consuma semplicemente come amaro digestivo o come aperitivo.

La ricetta originale, rimasta per lo più immutata, prevede che l'elixir sia creato mettendo in infusione in alcool puro la corteccia di china e la corteccia di arancio, poi viene aggiunto lo zucchero e quindi l'infuso viene lasciato maturare per almeno un anno in botti di rovere, e infine imbottigliato.

 

 

Produttori di china

La China Martini è sicuramente il liquore a base di china più famoso in Italia e viene prodotta fin dal 1920 dal marchio Martini & Rossi di Torino, lo stesso produttore dei vari vermouth.

Poi esistono tanti altri produttori di china più o meno artigianali, tra i quali ricordo: la Ferro-China di Milano, la China Massagli della farmacia omonima di Lucca, la china dello stabilimento chimico e farmaceutico militare, la China Stemmi di Torino.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.

 


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.