Sangria

La sangria è una bevanda a base di vino e frutta originaria della penisola iberica. Sono molte le storie riguardo le origini della sangria, una delle più accreditate la fa risalire al Settecento come bevanda dei marinai ai quali era proibito bere bevande alcoliche e che, quindi, avrebbero trovato l'escamotage di mascherare il vino con la frutta per farlo sembrare un succo di frutta. Un'altra versione, invece, decreta che la sangria nacque come bevanda rinfrescante ad opera di contadini spagnoli e portoghesi che la realizzavano con i prodotti della terra a loro disposizione, vino, pesche, mele e agrumi. Una cosa è certa: l'origine del nome deriva da "sangre", la parola spagnola che indica il sangue, sia perchè il colore rosso della sangria ricorda il colore del sangue, sia perchè questa bevanda rappresenta il carattere focoso e passionale degli iberici. 

Quando ordinare una sangria in Spagna

Con il tempo la sangria ha smesso di rappresentare l'identità spagnola, anche se al di fuori della Spagna viene ancora vista, assieme alle tapas e alla corrida, come un emblema dell'intero Paese, ma in realtà oggi la sangria viene vista in Spagna come una bevanda per giovani e per turisti e viene servita principalmente nei bar più turistici dentro brocche da un litro (la jarra) e consumata come aperitivo o comunque lontano dai pasti. Un'altra situazione dove solitamente si consumano litri di sangria è durante le feste organizzate in casa da studenti universitari locali e/o erasmus. Comunque mai chiedere una sangria dopo le 10 di sera, e mai nei locali notturni, dove le bevande alcoliche servite sono cocktail più "robusti" come ron y cola (coca e rum) o gin e tonica. Piuttosto, se si vuole qualcosa di leggero, optare per una classica cerveza (la birra) o per un tinto de verano...

 

 

Il tinto de verano, il sostituto della sangria dell'autentico spagnolo

Il tinto de verano è una versione semplice della sangria, è una bevanda alcolica sempre a base di vino rosso ma senza frutta che viene bevuta d'estate nelle terrazze dei bar spagnoli. Il nome deriva dall'unione di tinto=vino rossoverano=estate. Molto semplice da preparare, è un cocktail costruito direttamente nel bicchiere (di solito si usano i tumbler alti e stretti) con molto ghiaccio, vino rosso, una spruzzata di soda, acqua tonica o gassosa e una scorza di limone. Di sicuro è più "raffinato" e autentico della sangria e se lo si ordina non si viene scambiati per dei guiri (turisti)!

Concludo dicendo che in Spagna esiste un altro bibitone a base di vino rosso, molto conosciuto anche questo tra studenti e giovani che lo preparano soprattutto in occasione dei botellones estivi in piazza: il kalimotxo (pronuncia calimocio) di origine basca, che si prepara mescolando vino rosso, ghiaccio e coca cola, si serve direttamente dentro la bottiglia da 1,5 lt della coca cola e si beve a collo. Assolutamente da non provare...

Varianti e ricetta della sangria

Sangria

Esistono innumerevoli varianti della ricetta della sangria, praticamente ogni spagnolo ne ha una sua e sostiene sia quella originale. C'è chi aggiunge lo zucchero, chi aggiunge anche sherry o rum, chi usa solo la pesca e chi invece ci butta dentro una macedonia, chi usa le spezie come nel vin brulè (cannella e chiodi di garofano), i catalani usano il vino bianco anzichè il vino rosso, i più giovani annaffiano il tutto con l'aranciata Fanta per farla diventare frizzante...

In mezzo a questa confusione, propongo una ricetta molto semplice, quella che, credo, si avvicini il più possibile alla prima versione di sangria creata nel Settecento, quando gli ingredienti a disposizione erano davvero pochi. Inoltre la mia ricetta si propone di essere anche il più "light" possibile (cosa dura considerando che il vino ha già molte calorie di suo). Un obiettivo però lo si raggiunge: questa sangria è rinfrescante e d'estate è un toccasana, ovvio, se bevuta con moderazione!

Ingredienti per circa 1 lt di sangria (4-5 persone)

  • una bottiglia di buon vino rosso da 0,75 lt
  • 2 pesche grandi o 3 medie (meglio se di varietà senza pelo, nettarine o noci)
  • 1 arancia dolce
  • 1/2 limone
  • 4 cucchiai di zucchero (facoltativo)
  • acqua tonica o acqua frizzante q.b.
  • tanti ghiaccioli
  • foglioline di menta a piacere
  • cannucce

Procedimento

Lavare le pesche e tagliarle a cubetti, lavare il mezzo limone e l'arancia e tagliarli a fettine sottili senza togliere la buccia, quindi mettere la frutta in una brocca abbastanza capiente o in una bacinella di vetro. Aggiungere il vino rosso e lasciare il tutto a marinare per almeno 10-12 ore in frigorifero, coperto. Se la si preferisce più dolce si può a questo punto aggiungere lo zucchero, meglio se grezzo, che si scioglierà più facilmente. Al momento di servire, riempire i bicchieri tumbler con qualche ghiacciolo (3 o 5, sempre dispari), unire la sangria e l'acqua tonica a colmare il bicchiere, mescolare un poco con una paletta, inserire una cannuccia e, volendo, decorare con una fogliolina di menta.

La scelta del vino rosso per una buona sangria

Spesso si legge che per fare la sangria basta comprare un tavernello, tanto poi si mescola tutto e il risultato è buono lo stesso. Cosa sbagliatissima, il vino è l'elemento base di questo cocktail e va scelto con oculatezza. Se il vino di partenza è scadente anche la sangria non sarà buona e il primo effetto collaterale che noteremo sarà il mal di stomaco, il secondo, il mal di testa al risveglio... Gli spagnoli usano di solito una bottiglia di vino rosso garnacha o tempranillo, due varietà locali di uva, la seconda è difficile da trovare, la prima è il cannonau (grenache in francese, molto diffusa anche in Francia), si può provare a chiederle nelle enoteche specializzate, altrimenti si può optare per qualche uva nostrana che ben si adatta alla sangria: oltre al cannonau, un teroldego rotaliano, una bonarda non frizzante, una barbera dei Colli Bolognesi, un Salice Salentino, comunque un vino corposo ma non eccessivamente alcolico, intorno ai 13° per intenderci, e fruttato.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Sciroppo di fruttosio

Lo sciroppo di fruttosio, anche chiamato sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS), è accusato di causare obesità e altri problemi di salute.


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Selenio

Il selenio è un elemento importante per contrastare il danno ossidativo prodotto dagli idroperossidi: scopriamo quando c'è rischio di carenza o eccesso, vantaggi o svantaggi.


Sardina o sarda

Sardina o sarda: il pesce azzurro ricco di omega 3. Come sceglierla, la stagione migliore, la preparazione e le ricette.

 


Chutney - salsa indiana

Il chutney o chatni è una salsa piccante a base di frutta e spezie tipica della cucina indiana.


Wafer paper o Rice paper

Wafer paper (o rice paper): l'ultima frontiera del cake design fatta con fogli di ostia.


Pasta di semola di grano duro

Pasta - Produzione e caratteristiche della pasta di semola di grano duro


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.