Vov

Il Vov è un liquore all'uovo italiano, originario di Padova, denso, di colore giallo, con una gradazione alcolica di circa 17%. Vov è una marca commerciale che ha guadagnato talmente tanta fama da essere comunemente usata per indicare un qualsiasi liquore fatto con le uova, anche quelli casalinghi.

Il Vov è sempre stato sinonimo di bevanda corroborante e ricostituente, fin da quando divenne la bevanda ufficiale dei militari durante la Prima e la Seconda Guerra mondiale, con la siglia VAV (Vino Alimento Vigoroso).

Può essere bevuto sia caldo che freddo, da frigo, oppure sottoforma di granita, a seconda dei gusti e delle stagioni.

Storia del Vov

Gian Battista Pezziol, un pasticcere di Padova vocato alla produzione di torrone, ideò la ricetta del Vov nel 1845, poichè cercò un modo di riutilizzare i tuorli d'uovo che scartava dalla fabbricazione di torroni per i quali usava solo gli albumi.

Il nome stesso "vov" deriva dal termine dialettale "vovi" che sta per "uova". 

 

Vov

Ha conosciuto il suo maggior sviluppo durante gli anni Sessanta e Settanta, ma dagli anni Ottanta, Novanta il Vov ha perso gran parte della sua attrativa sul mercato italiano e oggi sopravvive giusto perchè viene usato per scopi culinari, per esempio per preparare alcuni dessert come il gelato affogato allo zabajone, oppure per comporre il cocktail montanaro per eccellenza, il bombardino, a base di caffè, panna e Vov.

Le stazioni sciistiche alpine sono fondamentalmente i principali consumatori di Vov, dove la tradizione vuole che venga bevuto nei pomeriggi e nelle sere d'inverno per combattere il freddo.

Oltre alla ditta storica Pezziol di Padova, quella con la classica bottiglia bianca con etichetta colorata di giallo, rosso e azzurro, che è stata acquisita dalla Molinari nel 2012, sopravvive un altro produtore di liquore all'uovo, lo Zabov delle Distillerie Moccia di Ferrara, entrambi comunque prodotti di buona qualità, senza conservanti nè coloranti.

 

 

 

Ricetta del Vov fai da te

Il liquore all'uovo è molto semplice da preparare in casa, anhe con buoni esiti, senza nulla da invidiare ai Vov commerciali.

Ingredienti per una bottiglia da 0,75 lt

  • 100 ml di alcol buongusto 95%
  • 40 ml di vino liquoroso tipo vin santo o marsala con almeno 16%
  • 10 tuorli d'uovo
  • 400 g di zucchero semolato o a velo
  • 300 ml di latte intero
  • qualche seme di bacca di vaniglia

Procedimento

In una ciotola sbattere le uova con lo zucchero aiutandosi con le fruste, fino a che il composto non assuma una consistenza cremosa, poi aggiungere i semi di vaniglia.

Sempre continuando a mescolare aggiungere anche l'alcol puro e il vino liquoroso e infine il latte.

Cuocere il composto nella stessa ciotola a bagnomaria per almeno 10 minuti, senza alzare troppo la fiamma, l'acqua non deve bolire, deve solo "tremare", altrimenti si rischia di cuocere le uova.

Aspettare che il liquore si raffreddi e imbottigliarlo in una bottiglia di vetro scuro da 0,75 lt. 

Conservare in luogo fresco e asciutto, anche in frigorifero va bene, e agitarlo sempre prima di berlo.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Indice insulinico

L'indice insulinico misura l'effetto di un alimento sui livelli di insulina.


Carico glicemico

Il carico glicemico dipende dall'indice glicemico e dal contenuto in carboidrati degli alimenti. È un indice abbastanza inutile.


L'indice glicemico

L'indice glicemico degli alimenti indica la velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all'assunzione dei vari alimenti.


Salsa alioli o aioli

La salsa alioli o aioli, la maionese a base di aglio ideale per le patate e il pesce.

 


Indice di sazietà degli alimenti

Il potere saziante dei cibi è una variabile fondamentale per controllare lo stimolo della fame.


Densità calorica

La densità calorica esprime la quantità di calorie per unità di peso degli alimenti, si misura in kcal/hg ed è il parametro più importante da conoscere per gestire la propria alimentazione.


Acidi grassi

Gli acidi grassi, i fondamentali componenti dei lipidi, si suddividono in grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi.


Grassi trans e grassi vegetali idrogenati

I grassi trans e i grassi vegetali parzialmente idrogenati: quali sono le differenze e quali effetti hanno sulla salute.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.