Liquore alla pera Williams

Con l'abbreviazione Williams si intende un liquore ottenuto dalla fermentazione e distillazione delle pere della varietà William, conosciuta anche con il nome Bartlett, ossia la pera di origini inglesi ma la più coltivata e diffusa al mondo.

La pera William è la pera industriale per eccellenza, ossia quella che viene utilizzata maggiormente per la produzione di succhi di frutta o liquori, ciò non toglie che sia anche una pera buona da mangiare!

Credo che tutti abbiano in mente almeno una bottiglia di Williams, con la caratteristica e folcloristica pera intera lasciata all'interno (vedi foto più in basso).

Questo cultivar di pera ha la caratteristica di avere una polpa molto dolce e succosa e di mantenersi a lungo, fino a 3 mesi dopo la raccolta che si solito avviene a fine estate, e questi sono i due motivi principali per cui si presta maggiormente ad essere lavorata e trasformata.

In Italia il liquore Williams è diffuso soprattutto al Nord, nelle regioni alpine e in 2 di esse ha ottenuto la certificazione IG (Indicazione Geografica) nel febbraio 2015, nel Friuli e nel Trentino Alto Adige.

In realtà le certificazioni sono 3 dal momento che Trentino e Alto Adige ne hanno ognuno una, quindi le 3 certificazioni sono: Williams friulano IG, Williams trentino IG e SudTiroler Williams IG.

Questa certificazione si limita a garantire che tutta la filiera produttiva venga svolta all'interno della regione o della zona di riferimento.

 

 

Produzione del liquore Williams

Williams

L’acquavite di frutta Williams IG è ottenuta dal mosto di pere Williams fermentate e distillate mediante impianti a lavorazione continua o discontinua, a fuoco diretto o a vapore, con separazione delle teste e delle code come nella produzione di un qualsiasi distillato.

La distillazione deve avvenire a meno dell'86% ed è bene che le pere abbiano raggiunto tutte lo stesso grado di maturazione per garantire un gusto e un aroma uniformi al liquore.

In alcuni casi è possibile effettuare una seconda distillazione.

Durante la preparazione è consentita l’aggiunta di zuccheri, nel limite massimo di 20 grammi per litro.

Il Williams deve avere un grado alcolico minimo di 40°vol, all'aspetto è trasparente anche se può essere sottoposto a invecchiamento in botti di legno per un periodo di minimo 12 mesi, nel qual caso assumerà una sfumatura giallognola.

Non è ammessa l'aggiunta di alcol etilico né puro né diluito e non sono ammessi aromi.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.