Aranciata

L'aranciata è un soft drink, una bevanda analcolica frizzante al gusto di arancia, spesso realizzata con additivi chimici, e commercializzata sia in lattina da 33 cl che in bottiglietta.

Secondo il disciplinare europeo l'aranciata deve contenere almeno un 12% di succo e polpa d'arancia, un limite davvero molto basso.

L'aranciata è una bevanda famosa in tutto il mondo, dove è conosciuta con vari nomi e dove viene prodotta da varie aziende, delle quali sicuramente la più conosciuta e diffusa è la Fanta, quella prodotta dalla Coca-Cola Company, e diffusa in 190 Paesi, tra cui il principale consumatore è il Brasile.

Le aranciate più famose in Italia sono, oltre alla Fanta, quella della San Pellegrino e l'Oransoda, oggi commercializzata da Campari. Recentemente sono nate aranciate prodotte da altre aziende italiane, più piccole e spesso artigianali e/o biologiche, come Ecor, Paoletti e Abbondio.

Nella scelta di un'aranciata bisognerebbe leggere gli ingredienti e puntare su quelle che:

  • non contengono conservanti (come il sorbato di potassio);
  • non contengono aromi chimici.

Ecor, Fanta e Abbondio soddisfano tutti questi requisiti.

Bisogna comunque considerare il fatto che queste bevande andrebbero bevute molto sporadicamente... E che gli ingredienti da evitare tutto sommato sono innocui, quindi alla fine anche solo il gusto personale può essere una discriminante accettabile.

San Pellegrino produce tre tipi di aranciata, la classica, la dolce e l'amara, realizzata quest'ultima con le arance amare che gli donano il tipico gusto che la San Pellegrino definì "adulto" negli spot degli esordi di questo prodotto. La Fanta ne commercializza anche un tipo ottenuta da arance rosse.

Storia dell'aranciata

 

 

Aranciata

L'aranciata (come bibita gassata) fu inventata durante la Seconda Guerra Mondiale quando i regimi fascisti di Italia e Germania proibirono ogni importazione dall'estero, in particolare dai Paesi anglosassoni. La Coca-Cola, che fino a quel momento aveva avuto un'importante fetta di mercato in Europa, decise di creare un nuovo marchio prodotto direttamente in loco, e fu così che l'imprenditore tedesco Max Kleith, il responsabile degli stabilimenti della Coca-Cola Company in Germania, ideò la ricetta della Fanta, prodotta utilizzando proteine del siero del latte ottenute dagli scarti di lavorazione del formaggio; e le fibre ottenute dai residui di lavorazione del sidro di mele.

Alla fine della guerra, Kleith cedette la ricetta della Fanta e tutto il business a Coca-Cola Company.

Una storia analoga avvenne in Italia, quando nel 1932 la San Pellegrino lanciò la prima aranciata italiana.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.