Tè bianco

Il  bianco è una tipologie di semi-fermentato, ovvero parzialmente ossidato, originario della Cina e in particolare di una regione, quella di Fujian, dove prende il nome di "baicha".

Il tè bianco è una delle varietà di tè più pregiate e costose, poichè viene ottenuto solo dalle gemme della pianta Camellia Sinensis, le quali vengono raccolte prima che si schiudano e, prima di essere lavorate, lasciate ad essiccare alla luce naturale del sole, senza interventi meccanici.

Il nome stesso, tè bianco, deriva dal fatto che queste gemme sono ricoperte da una sottile peluria bianca argentata, in inglese, infatti, è conosciuto sia come white tea che come silver tea.

Il tè bianco messo in infusione produce una bevanda dal colore giallo paglierino, molto delicata, con una concentazione di polifenoli molto più alta rispetto al tè nero o al tè verde.

I tè bianchi più pregiati sono quelli venduti come gemma intera, che una volta messa in infusione si schiude dando origine al caratteristico fiore dai petali bianchi con un effetto molto scenografico.

In altri casi, molto più frequentemente, le foglie di tè bianco vengono raccolte giovani, appena nate, e poi commercializzate come foglie intere o triturate dal colore di un verde tenue.

Te Bianco

Il tè bianco è una creazione relativamente recente, della fine dell'Ottocento, prima veniva considerato semplicemente come un tè nero molto pregiato, un po' alla stregua del pekoe.

Viene raccolto rigorosamente in primavera, soltanto per un periodo molto limitato dell'anno e solo nei giorni di sole, per questo è un tè molto pregiato e costoso. Le foglie e i germogli vengono selezionati con cura ed attenzione e poi non subiscono particolari lavorazioni, questo fa sì che il tè bianco sia anche quello con i maggiori effetti benefici sulla salute.

 

 

Ha proprietà antiossidanti, aiuta a favorire la circolazione, riduce il colesterolo, mantiene bassa la pressione e previene le infezioni all'apparato respiratorio.

Recentemente la sua produzione si sta diffondendo anche in Taiwan, in Thailandia e in Nepal.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.