Tè nero

Il tè nero è un tipo di il cui procedimento di lavorazione prevede un processo di fermentazione completa delle foglie, per questo il tè nero, tra tutti i tipi di the, è quello che ha il colore più scuro, il sapore più intenso e il contenuto più alto di caffeina (una tazza di tè nero ne contiene da 40 a 100 mg, mentre un caffè espresso ne contiene circa 80 mg).

Per produrre il tè nero le foglie della Camellia Sinensis vengono raccolte, essiccate per una prima volta, poi  arrotolate su se stesse e quindi di nuovo essiccate. Durante questi passaggi le foglie vengono triturate e liberano enzimi e polifenoli. Segue una fase di fermentazione a temperature elevate, circa 30°C, di una durata breve compresa tra 30 minuti e 2 ore. Infine le foglie vengono di nuovo essiccate

Tutti questi passaggi, molti dei quali meccanicizzati, fanno sì che il tè vada incontro ad un processo di ossidazione, che è poi il responsabile del colore e delle caratteristiche organolettiche del tè nero, l'unico a subire un processo di fermentazione e ossidazione completa.

Tipologie e varietà di tè nero 

Te Nero

Esistono numerose varianti del tè nero, a seconda della zona dove viene raccolto e di come viene effettuata la sua lavorazione. Il più pregiato è il tè pecko o pekoe, di produzione cinese, poichè viene composto utilizzando solo le foglioline più giovani, la parola pecko sta infatti per "peluria".

Altri tè neri cinesi sono il keemun, il lapsang souchong, il zhenghe, il bailin etc.. in Cina ne vengono prodotte circa una decina di varietà diverse, molte delle quali non hanno mercato con l'Occidente.

Una varietà molto interessante, che viene dal Taiwan, è il Sun Moon Lake, dal colore ambrato e dall'aroma speziato alla cannella e alla menta.

 

 

Ma la produzione più interessante e che ritrova più consensi in Occidente è quella indiana, dove vengono prodotti  il tè Darjeeling, il cui aroma ricorda l'uva moscato, cosa che gli ha conferito il soprannome di "champagne dei tè", e il tè Ceylon, un altro dei più rinomati tè neri, dal sapore molto deciso. Gli altri tè neri indiani sono il nilgiri, il munnar e l'assam.

I blend di tè nero

Il tè nero è alla base dei blend di tè più comuni che vengono bevuti ogni giorno anche in Occidente, come l'English Breakfast, l'English Afternoon e l'Earl Grey.

  • English Breakfast: composto da vari tipi di tè nero, tra cui spicca l'indiano Assam, è un tè molto strutturato, di corpo, indicato da bere la mattina per le sue proprietà stimolanti. Ne esiste un tipo prodotto in Irlanda, l'Irish Breakfast.
  • English Afternoon: prodotto con i tè neri Assam, Ceylon e Kenyan, ha una media struttura e un effetto rinfrescante, è ideale per i rituali del tè pomeridiano. Una delle tipologie più rinomate è il Prince of Wales.
  • Earl Grey: il nome gli deriva dal Primo Ministro britannico degli anni Trenta, Charles Grey, è una miscela di tè neri aromatizzata con olio di bergamotto.
  • Russian Caravan: è un blend prodotto in Russia, ottenuto da diversi tè neri cinesi, quali il keemun e il lapsang souchong, ha un gusto leggermente affumicato.

Proprietà del tè nero

Il tè nero ha effetti benefici sulla circolazione sanguigna, in particolare va ad agire sulle coronarie, sul mantenimento delle ossa e in generale sull'aumento delle difese immunitarie.
Ha proprietà stimolanti, grazie alla caffeina, e antiossidanti, grazie alla concentrazione di flavonoidi, contenuti anche in altri cibi come vino e cipolle, ma il tè nero è quella tipologia di tè che ne contiene di più, circa 4000.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Emulsionanti

Gli emulsionanti sono additivi utilizzati principalmente per stabilizzare nel tempo alimenti che contengono grassi, e prodotti da forno come colombe e panettoni.


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.

 


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.