Caffè

La pianta del caffè appartiene al genere Coffea, della famiglia delle Rubiacee.

Dai semi di questa pianta, opportunamente tostati e macinati, si ottiene la bevanda più conosciuta a consumata al mondo: il caffè.

Le origini del caffè non sono note, sicuramente si diffuse prima nel mondo arabo per poi arrivare in Europa. Il termine caffè deriva dalla parola araba "qahwa", che in origine identificava una bevanda prodotta dal succo estratto da alcuni semi, che provocava effetti eccitanti e stimolanti. Dal termine "qahwa" si passò alla parola turca "qahvè", parola riportata in italiano con "caffè". Alcuni pensano invece che il termine caffè derivi dalla regione di Caffa, nell'Etiopia sud-occidentale, dove si coltiva la pianta del caffè.

Nel XV secolo la conoscenza del caffè si estese nel Medio Oriente fino ad Istanbul, dove il suo consumo avveniva nei luoghi d'incontro dell'epoca, locali simili a taverne in cui i turchi solevano sedersi e consumare questa bevanda.

Venezia, grazie ai suoi rapporto con l'Oriente, fu la prima ad introdurre il caffè in Italia: le prime botteghe del caffè comparvero nel 1645.

Nel XVII secolo il caffè si diffuse in Inghiterra (nel 1663 si contavano già 80 coffeehouse, che diventarono ben 3000 nel 1715) e in Francia e da allora la crescita fu esponenziale tanto che nel Settecento ogni città d'Europa possedeva almeno un caffè.

Varietà di caffè

Il genere Coffea comprende oltre 100 specie, tuttavia, commercialmente le varietà di caffè vengono proposte in due tipologie principali: l'arabica (Coffea arabica) e la robusta (Coffea canephora).

Un'altra specie, la Coffea liberica, viene coltivata su larga scala ma in quantità molto inferiori alle prime due.

Una decina di specie di caffè vengono coltivate localmente e sono quindi poco conosciute. Le più note sono Coffea stenophylla, originario dell'Africa occidentale; Coffea mauritiana, il caffè marrone dell'Isola Maurizio e della vicina Isola della Riunione; e Coffea racemosa, originaria del Mozambico, Le specie differiscono per gusto, contenuto di caffeina e adattabilità a climi e terreni diversi da quelli di origine.

 

 

 

Coltivazione e mercato del caffè

Con la diffusione su larga scala, il caffè iniziò ad essere coltivato in modo intensivo nelle colonie inglesi e in quelle olandesi (in Indonesia), quindi iniziò anche la Francia in tutto il Centroamerica.

Le prime coltivazioni in Brasile iniziarono nel 1727.

La coltivazione del caffè dipese sempre dalla schivitù, fino alla sua abolizione nel 1888.

Caffè

Il caffè è una delle merci più scambiate insieme al petrolio e all'acciaio.

Secondo le statistiche dell'International Coffee Organization, i maggiori produttori mondiali di caffè sono, in 'ordine di importanza, il Brasile (che produce quasi un terzo del caffè nel mondo), il Vietnam, la Colombia e l'Indonesia. Seguono, con ordine variabile secondo le annate, Messico, Guatemala, Honduras, Perù, Etiopia, India.

Il mercato del caffè è in mano a poche multinazionali, una ventina di società tra cui le più importanti sono: Neumann Kaffee (Germania), Volcafè (Svizzera), Cargill (Stati Uniti), Esteve(Brasile/Svizzera), Aron ( Stati Uniti), ED&F Man (Regno Unito), Dreyfus (Francia), Mitsuibishi (Giappone). Solamente una di queste 20 aziende che controllano il mercato appartiene a uno stato che è anche grande produttore.

 

 

Questo sistema non avvantaggia di certo i produttori che spuntano prezzi all'origine molto bassi, che non consentono agli stati produttori di arricchirsi come potrebbero se avessero maggior potere contrattuale. Questo vale soprattutto per quei paesi africani (come Uganda, Ruanda ed Etiopia) che sopravvivono grazie al caffè, che rappresenta la prima fonte di reddito. Questi paesi sono molto esposti al rischio di speculazioni e subiscono molto le fluttuazioni del mercato.

Agli inizi degli anni '90, il valore globale del caffè era di circa 30 miliardi di dollari, di cui 12 andavano ai paesi d'origine; nel 2001 era arrivato a 65 miliardi, di cui solo 5,5 miliardi rimanevano ai paesi produttori!

Alcune grosse aziende come Sara Lee/De e Nestlé possiedono società d'importazione proprie che controllano tutta la filiera del caffè, dal raccolto al consumatore.

Articoli sul caffè

Caffè espresso

Il caffè espresso è una invenzione italiana che risale ai primi anni del 1900, che poi si è diffusa in tutto il mondo. La caratteristica principale del caffè espresso è il fatto di essere ottenuto tramite l'infusione sotto pressione. Ciò che si ottiene è una bevanda molto concentrata, anche se in origine ...

 

Caffè decaffeinato

La caffeina è un eccitante piuttosto potente che non è tollerato da tutti, infatti è sconsigliato in diverse patologie e può causare insonnia anche in soggetti sani, se assunta fino a qualche ora prima di andare a dormire. Per questo motivo con la diffusione del caffè si è cercato un metodo efficace per rimuovere ...

 

Caffè filtro e caffè americano

Il caffè filtro è sicuramente il caffè più bevuto al mondo ma non in Italia, dove gli viene di gran lunga preferito il caffè con la moka. Il caffè filtro viene preparato per semplice infusione della polvere di caffè in acqua bollente (o meglio, tra i 92 e i 96 gradi). Per separare la bevanda dalla polvere ...

 

Caffè shakerato

Il caffè shakerato è una bevanda analcolica a base di caffè, ghiaccio e zucchero agitati in uno shaker e viene preparata da tutti i bar italiani durante l'estate. La moda del caffè shakerato ha superato i confini nazionali ed è conosciuta un po' in tutto il mondo. Non sono note le origini di questa bevanda, ma è un'invenzione relativamente recente, nata come variante del caffè freddo...

 

Caffè verde

Negli ultimi mesi si sta assistendo ad una nuova moda su riviste, siti web e quant'altro: è quella del caffè verde, osannato e pubblicizzato come l'ultima frontiera nelle diete dimagranti. Generalmente viene venduto in erboristeria o in farmacia sotto forma di capsule o di infuso a base di polvere di chicchi di caffè. Ma quanto c'è di vero in questa nuova e invasiva moda? ...

 

Il caffè: raccolta, essiccazione, torrefazione

Le bacche di caffè vanno opportunamente trattate prima dell'utilizzo. L'operazione più importante è la torrefazione, cioè la tostatura dei chicchi di caffè che verranno poi macinati. La raccolta dei chicchi di caffè dovrebbe avvenire a rotazione, man mano che questi giungono a perfetta maturazione. Questo metodo ...

 

Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo. In natura si trova in diverse piante: caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate. Queste piante producono caffeina per difendersi dagli insetti, in quanto la caffeina è un vero e proprio pesticida naturale. Il tè (bevuto in Cina da migliaia di ...

 

Cappuccino

Il cappuccino è senz'altro una delle più famose bevande a base di latte e caffè. Il cappuccino è molto semplicemente un caffè espresso versato in una tazza grande, sul quale si versa il latte montato a caldo, in modo tale da produrre la caratteristica schiuma. Ma quello che è facile a dirsi, non è facile ...

 

Moka: istruzioni per l'uso

La moka è la macchina di caffè più utilizzata in Italia. Fu ideata nel 1933 da Alfonso Bialetti, fondatore dell'omonima ditta che produce macchine da caffè. Il nome "moka" origina dalla città di Mokha, nello Yemen, zona di produzione di pregiate varietà di caffè arabica. La moka ha il pregio della economicità ...

 

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Meringa (italiana, francese, svizzera)

La meringa (italiana, francese, svizzera), una preparazione di pasticceria a base di albume d'uovo e zucchero.


Meringa (italiana, francese, svizzera)

La meringa (italiana, francese, svizzera), una preparazione di pasticceria a base di albume d'uovo e zucchero.


Crostacei

I crostacei: dall'astice ai percebes, tutto quello che c'è da sapere sui crostacei.


Molluschi cefalopodi

I molluschi cefalopodi, i Supermolluschi, di cui fanno parte 5 specie molto importanti per l'alimentazione umana.

 


Maionese

La maionese: storia, preparazione, ricetta casalinga.


Acido fitico e fitati in crusca, legumi e cereali: sono pericolosi?

L'acido fitico e i fitati sono sostanze contenute nella crusca, nei semi oleosi, nei legumi e nei cereali, che possono comportare carenze di ferro e zinco. C'è da preoccuparsi?


Molluschi bivalvi

I molluschi bivalvi: caratteristiche, varietà e curiosità di questo affascinante mondo animale.


Istamina negli alimenti: cos'è e quali sono i danni dell'intossicazione da ammine biogene

L'istamina è una delle ammine biogene che possono contaminare gli alimenti e dare origine a malattie a comparsa improvvisa: ecco come evitare di ingerirla.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.