Capicollo Azze Anca Grecanico

Il capicollo azze anca, chiamato anche capicollo grecanico o capocollo grecanico, è un salume prodotto in quella parte di Calabria dove rimangono ancora testimonianze della dominazione greca, nella punta più a Sud della costa ionica, in provincia di Reggio Calabria. Il capicollo azze anca grecanico viene venduto da soli quattro allevatori e produttori della zona che incarnano fortemente le origini greche, sia nel linguaggio parlato, il dialetto greco secondo il quale questo salume si chiamerebbe capicoddho azze anca, sia nelle tecniche di lavorazione, risalenti alla Magna Grecia ma codificate in documenti scritti solo nel Seicento. Secondo altri documenti storici pare che il capicollo azze anca grecanico abbia avuto come estimatori anche Giacomo Casanova e Gioacchino Murat. La particolarità di questo capocollo calabrese sta nel fatto che non viene ottenuto dalla coppa del suino, come porterebbe a pensare il nome, bensì da un taglio dell'anca, da cui il nome azze anca: è, in pratica, ottenuto dalla parte superiore della coscia, del prosciutto, oppurtunamente disossata e rifilata in modo da rendere il salume cilindrico come un capocollo.

Per la sua rilevanza storica e per la particolarità della lavorazione, il capicollo azze anca grecanico è entrato di diritto a far parte dei presidi slow food che ne tutelano e ne valorizzano le radici storico-culturali attraverso un disciplinare molto rigido.

Produzione del capicollo azze anca grecanico

Capicollo Azze Anca
Il capicollo azze anca grecanico viene ottenuto a partire dal taglio superiore della coscia dei suini neri calabresi, una razza autoctona che Slow Food e l'Università di Reggio Calabria stanno tentando di salvare dall'estinzione. La coscia viene disossata e divisa e poi salata e lasciata nella salamoia dentro sacchetti di plastica per almeno 70 ore. Dopo la salatura le carni vengono massaggiate con gli aromi (pepe nero, peperoncino a scaglie e finocchio selvatico) e avvolte da un sottile strato di grasso, che permette al capicollo di mantenere la morbidezza anche dopo la stagionatura. Quindi vengono insaccate in vesciche naturali, avvolte in teli di cotone e poi messe dentro una rete. Segue una stagionatura di almeno 6 mesi nei tradizionali catoi, locali seminterrati con finestre che permettono all'aria di circolare.

Caratteristiche organolettiche del capicollo azze anca grecanico

 

Il capicollo azze anca grecanico ha forma allungata e cilindrica, il suo peso varia da 1 a 2,5 kg, è avvolto in una rete sotto la quale si intravede il colore biancastro del grasso. Al taglio la fetta si presenta di una consistenza morbida ed elastica, all'esterno è di colore bianco e all'interno è di colore rosato con pochissime venature di grasso. Fondamentalmente il buono del capicollo azze anca è che il grasso è solo all'esterno e può essere scartato, questo lo rende un salume adatto alla cucina Sì, magro e salubre, visto che non è ammessa l'aggiunta di conservanti. Al gusto predomina l'aroma del finocchio selvatico, e la tendenza dolce delle carni si equilibra perfettamente con la sapidità dovuta alla stagionatura. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Frattaglie

Le frattaglie sono le interiora degli animali macellati usate nelle ricette tradizionali popolari.


Salsa parigina o alemanna

La salsa parigina, detta anche alemanna o bionda, è una vellutata delicata e ideale per condire piatti a base di carni o pesci bolliti.


Salsa demi-glace

La salsa demi-glace, derivata dal fondo bruno addensato con farina e burro, è ideale per le carni rosse.


Agrumi

Tutti gli agrumi coltivati e diffusi in Italia: dall'arancia al pomelo, dal limone al bergamotto.

 


Interferenti endocrini: cosa sono, perché sono pericolosi e come evitarli

Scopriamo che cosa sono gli interferenti endocrini e perché costituiscono un pericolo per la salute, specialmente per i bambini.


Contaminanti chimici negli alimenti

Contaminanti chimici negli alimenti e nei mangimi: cosa sono, quali sono quelli pericolosi per la salute dell'uomo e quali strategie adottare per difendersi.


I sistemi di filtraggio dell'acqua: quali sono e quando sono utili

Scopriamo quali sono i principali metodi di filtraggio dell'acqua e quando sono utili per migliorare la qualità dell'acqua che beviamo.


Caraffe filtranti: come funzionano e a cosa servono davvero?

Le caraffe filtranti sono davvero utili per la nostra salute o servono solo a migliorare il sapore dell'acqua?

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.