Mortadella di Campotosto

La mortadella di Campotosto , comunemente più conosciuta con il nome volgare di coglioni di mulo, è un salume (in realtà molto più simile ad un salame che ad una mortadella) che ha la particolarità di avere una forma ovoidale e di essere esposto nelle norcinerie appeso rigorosamente in coppia, da qui deriverebbe il nome popolare di "coglioni di mulo".

La paternità della mortadella di Campotosto, o meglio delle mortadelle di Campotosto (anche se oggi possono essere acquistate anche singolarmente), viene rivendicata in Abruzzo, nelle zone collinari e montane della provincia de L'Aquila, all'interno del Parco Nazionale del Gran Sasso, tra cui nel comune omonimo di Campotosto. La tesi più affermata dagli storici è che nel corso del XVII secolo da questa zona abruzzese la lavorazione dei coglioni di mulo si sia estesa fino all'Umbria, in particolare a Norcia, e al Lazio, in particolare ad Amatrice, altri due comuni che erano in lizza per la rivendicazione della paternità di questo salume. Slow Food sembra aver messo un punto a questa diatriba eleggendo le mortadelle di Campotosto a presidio, puntando sul fatto che solo a Campotosto la lavorazione delle mortadelle avviene ancora artigianalmente come una volta e che solo questo tipo di lavorazione conferisce ai coglioni di mulo il loro vero sapore aromatico e robusto. Molto spesso, infatti, si trovano in commercio in tutto il centro Italia dei coglioni di mulo prodotti industrialmente, che somigliano alle mortadelle di Campotosto solo per l'aspetto esteriore e per il nome folcloristico, ma che una volta assaggiati non hanno nessuna personalità e al sapore risultano piatti e banali.

Mortadella Campotosto

Il presidio slow food delle mortadelle di Campotosto si prefigge di salvaguardare la loro lavorazione artigianale dall'invasione dei prodotti analoghi industriali, rispettandone la rarità (sono solo due i produttori) e istruendo il consumatore su come riconoscere le vere mortadelle di Campotosto:

  • totale assenza di conservanti;
  • la legatura viene fatta a mano con doppia briglia;
  • non vengono confezionati dentro sacchetti precuciti ma in budelli naturali cuciti a mano.

Produzione delle mortadelle di Campotosto presidio slow food

 

 

La mortadella di Campotosto viene ottenuta esclusivamente dai suini allevati nel territorio dei Monti della Laga, all'interno del Parco Naturale del Gran Sasso, dei quali si selezionano tagli magri presi dalla spalla e dal prosciutto. Alle parti magre vengono aggiunti pancetta, sale, pepe nero e un mix di aromi che varia a seconda del produttore. Gli ingredienti vengono macinati fino ad ottenure un impasto a grana fine che poi viene insaccato in un budello naturale inserendovi all'interno un bastoncino di lardo intero, aromatizzato con del pepe nero, lungo tanto quanto la lunghezza dell'intero insaccato, circa 10 cm. La mortadella di Campotosto viene cucita manualmente e poi appesa a coppie su un palo in un locale adibito all'affumicatura, prodotta con legno di quercia o di faggio, della durata di due settimane. Segue quindi una stagionatura di 3 mesi in locali areati posti ad un'altitudine di 1300 metri, cosa che garantisce una temperatura ed un livello di umidità perfetti per una corretta asciugatura di questo insaccato. 

Al taglio, la mortadella di Campotosto presenta la particolarità di avere un quadrato bianco di lardo al centro e una cornice di colore rosso vivo composta dalle parti magre intorno. Al gusto è molto saporita, aromatica e va abbinata ad un vino rosso corposo. Secondo la tradizione andrebbe proprio immersa nel vino rosso prima di essere consumata.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.