Pancetta coppata

La pancetta coppata è un insaccato crudo stagionato ottenuto dalla coppa (capocollo) avvolta nella pancetta, poi arrotolate insieme fino a creare un salume di forma cilindrica simile alla pancetta arrotolata.

La pancetta coppata si presenta a più strati alternati di parte magra (muscolo) di colore rossiccio-rosaceo e parte grassa di colore bianco avorio; anche se il suo aspetto varia da produttore e produttore, in genere è facilmente riconoscibile poichè somiglia ad un capocollo (o a una pancetta arrotolata), con segmenti di carne ben visibili, squadrati e irregolari.

La pancetta coppata è diffusa principalmente in tre regioni (Emilia Romagna, Lombardia e Veneto) e non è molto conosciuta al di fuori di queste zone.

Viene consumata come un normale salume, affettata sottilmente e abbinata al pane (magari tostato e caldo per dar modo al grasso di sciogliersi) o ad altri prodotti da forno come le tigelle.

La pancetta coppata: una invenzione dei grandi salumifici?

Pancetta coppata

Mi chiedo se la pancetta coppata sia un salume tradizionale...ma fino ad oggi (novembre 2014) non è stata inserita in nessun elenco dei PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali) e la sua produzione è per lo più industriale.

 

 

 

Viene spesso proposta e sponsorizzata come "pancetta magra" e mi viene da pensare che sia una trovata degli ultimi decenni dei grandi salumifici per vendere un salume che abbia il gusto della pancetta ma un aspetto più "sano". Già al primo sguardo, infatti, l'occhio viene colpito dalle tante parti rosa (cioè dalla carne magra) e, se la pancetta coppata viene sistemata sul bancone a fianco di una pancetta arrotolata tradizionale, la differenza risulta evidente: ha meno parti bianche e viene da pensare che sia meno grassa: è in effetti è proprio così, la differenza è notevole, visto che si parla di 450-500 kcal/hg per la pancetta, e di 300-350 kcal/hg per la pancetta coppata.

Purtroppo, essendo prodotti prevalentemente industriali, le pancette coppate annoverano tra gli ingredienti sostanze potenzialmente nocive per l'organismo quali il nitrito di sodio (E250), come avviene per tanti altri salumi industriali e per questo andrebbero evitate, oppure acquistate da piccoli produttori artigianali che non usano conservanti.

 

 

Cito l'Agriturismo La Fraterna di Rovigo che ho scovato facendo una ricerca (ma ce ne saranno sicuramente altri) che tra gli ingredienti della loro pancetta coppata artigianale dichiarano solamente: pancetta e coppa di suino, sale 0,26-0,28%, pepe spezzato, vino rosso, budello naturale di manzo.

Produzione della pancetta coppata

La pancetta e la coppa vengono prima di tutto rifilate e conciate, cioè impastate con sale, pepe e altre spezie o aromi. In alcuni casi viene usato anche il vino rosso come si fa con il salame per dare un gusto più saporito.

Successivamente vengono arrotolate tenendo la pancetta all'esterno e avvolte in budello, legate con spago e fatte stagionare per alcuni mesi, circa 30-90 giorni, dipende dal produttore.

Una pancetta coppata pesa all'incirca 2,5 kg.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Indice insulinico

L'indice insulinico misura l'effetto di un alimento sui livelli di insulina.


Carico glicemico

Il carico glicemico dipende dall'indice glicemico e dal contenuto in carboidrati degli alimenti. È un indice abbastanza inutile.


L'indice glicemico

L'indice glicemico degli alimenti indica la velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all'assunzione dei vari alimenti.


Salsa alioli o aioli

La salsa alioli o aioli, la maionese a base di aglio ideale per le patate e il pesce.

 


Indice di sazietà degli alimenti

Il potere saziante dei cibi è una variabile fondamentale per controllare lo stimolo della fame.


Densità calorica

La densità calorica esprime la quantità di calorie per unità di peso degli alimenti, si misura in kcal/hg ed è il parametro più importante da conoscere per gestire la propria alimentazione.


Acidi grassi

Gli acidi grassi, i fondamentali componenti dei lipidi, si suddividono in grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi.


Grassi trans e grassi vegetali idrogenati

I grassi trans e i grassi vegetali parzialmente idrogenati: quali sono le differenze e quali effetti hanno sulla salute.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.