Prosciutto del Casentino presidio slow food

Il prosciutto del Casentino è, assieme al prosciutto bazzone, uno dei prosciutti toscani più pregiati, caratterizzato da un rigido disciplinare firmato Slow Food, che segue attentamente la filiera di produzione in ogni sua fase, dall'allevamento dei suini alla stagionatura del prosciutto, e bandisce ogni aggiunta di conservante.

Il prosciutto del Casentino proviene da una terra da sempre vocata alla lavorazione del maiale, un testo storico dell'Ottocento testimonia, infatti, che questi prelibati prosciutti avevano conquistato una tale fama da essere richiesti anche in Inghilterra ed in Germania già all'epoca. Nel corso degli anni, però, i prosciutti toscani sono stati soppiantati da quelli emiliani e friulani, probabilmente a causa di un cambiamento generale del gusto e di un avvicinamento di massa verso salumi con una maggiore tendenza dolce rispetto ai prosciutti toscani, come quello del casentino, che virano, invece, verso un'elevata sapidità.

I produttori e gli allevatori del Casentino non sembrano, però, essersi persi d'animo e nel 2004 fondano un Consorzio di Tutela del Prosciutto del Casentino, appogiati e sostenuti da Slow Food, che oggi conta ben 11 aziene di allevatori e 4 norcinerie.

Prosciutto Casentino

Produzione del prosciutto del Casentino presidio slow food

I suini allevati per la produzione del prosciutto del Casentino sono quelli apparteneneti alle due razze locali, la rossa  del Casentino e la cappuccia di Anghiari, più qualche incrocio ottenuto dalle razze limitrofe, la cinta senese e la mora romagnola. I maiali vengono allevati all'aria aperta ed alimentati al pascolo, poi macellati quando raggiungono un peso minimo di 120 kg. La coscia fresca viene rifilata in modo da darle una forma tondeggiante e poi salata, conciata e massaggiata regolarmente per circa 60-70 giorni. La concia è composta solitamente da sale, aglio, pepe nero, bacche di ginepro, noce moscata e peperoncino. Segue una fase di asciugatura/lieve affumicatura in locali con camino acceso terminata la quale i prosciutti vengono appesi a stagionare per minimo 12 mesi

 

 

Caratteristiche del prosciutto del Casentino

Il prosciutto del Casentino ha forma rotonda e piatta e peso variabile tra gli 8 e i 15 kg. Al taglio, rigorosamente effettuato a mano, come vuole la tradizione toscana, la fetta si presenta di un color rosso vivo intervallato dal bianco del grasso. Il profumo è intenso, così come il gusto, molto speziato e sapido. Va accompagnato da pane insipido toscano e un bicchiere di vino rosso corposo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.