Hamburger

L'hamburger, in italiano chiamato comunemente svizzera, è il cibo da fast food più conosciuto in tutto il mondo, al pari della pizza, ed è diventato molto più ricco: le versioni più comuni sono quella arricchite con formaggio (cheeseburger); con bacon; con uova fritte e formaggio (Texas burger, assente in Italia ma molto diffuso in USA).

Sono nate, inoltre, versioni alternative all'hamburger, per esempio con cotolette di pollo impanate e fritte al posto della carne macinata.

Storia dell'hamburger

Hamburger

L'origine dell'hamburger non è chiara. La versione più accreditata lo fa risalire alla fine del 1800, quando gli emigranti europei raggiungevano l'America sulle linee navali dell'Hamburg Line. Nelle mense a loro destinate impararono a conoscere l'hamburger: delle strane polpette di carne congelata, cotte rapidamente alla griglia e distribuite tra due fette di pane.

Questo nuovo cibo fu ribattezzato hamburger e assunse una valenza molto positiva perché simboleggiava l'inizio di una nuova vita nel nuovo mondo. Gli emigranti continuarono a preparare e a consumare hamburger anche una volta giunti in USA, per le stesse ragioni di economicità e di praticità, essi infatti non potevano permettersi i tagli di carne pregiati, ma solo quelli di seconda scelta che necessitano di lunghe cotture oppure che possono essere tritati, confezionati a forma di hamburger e cotti velocemente alla piastra.

L'origine dell'hamburger, dunque, è europea, ma il suo sviluppo avvenne in USA.

Curiosamente anche il ketchup ha una storia simile, nato in oriente e divenuto famoso in America.

 

 

Caratteristiche nutrizionali dell'hamburger

Purtroppo gli hamburger conservano spesso una caratteristica comune con i loro antenati: la scarsa qualità delle carni utilizzate.

Bisogna sottolineare il fatto che un hamburger prodotto con carne di qualità e una salsa a base di ingredienti non lipidici (senape, ketchup, tabasco, salsa worcester, ecc.) ha caratteristiche nutrizionali molto interessanti perché costituisce un piatto equilibrato e con pochi grassi. Purtroppo per mangiare un hamburger del genere l'unica soluzione è quella di prepararlo in casa, oppure comprandolo da un macellaio di fiducia, dato che recentemente vengono già confezionati hamburger con carne scelta, come quella di chianina.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.