Pecora

Valori nutrizionali della pecora

La pecora (Ovis aries, Linnaeus 1758) è un mammifero, della famiglia dei Bovidi, genere Ovis. L'allevamento della pecora pare sia iniziato nella preistoria, in India, da progenitori selvatici, alcuni ancora esistenti, come il muflone e l'argali.

La pecora ha un aspetto molto vario nelle sue numerose razze: l’altezza varia, al garrese, fra 70 e 130 centimetri e l'aspetto è più o meno slanciato. Caratteristica comune delle pecore di varie razze è il muso che, se osservato di profilo, si presenta molto convesso al di sopra del naso e piano sulla fronte.

Le corna non sono presenti solo nel maschio (il montone), ma possono esserlo anche nella femmina, oppure mancare completamente.

Il mantello è formato dalla borra (peli corti e increspati) e dalla giarra (peli lunghi, duri e rigidi), che insieme formano la lana.

La pecora vive in genere dai 12 ai 15 anni.

Pecora

L'allevamento della pecora

La pecora viene allevata per il latte, la carne e la lana. Le pecore vengono allevate in genere allo stato brado e in grosse greggi transumanti, affidata a pastori con l'ausilio di cani da pastore, utilizzando pascoli montani nei mesi estivi e pascoli di pianura dall'autunno alla primavera.

Il latte di pecora, dà un alto rendimento in formaggio e soprattutto in Italia rappresenta una risorsa economica notevole.

La carne di pecora adulta è poco apprezzata, lo è di più quella dell'animale giovane (agnello da latte e agnellone) e del castrato, il maschio di più di un anno di età che viene castrato per migliorare la qualità delle carni.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.