Pane azzimo

Il pane azzimo o azimo è un tipo di pane molto semplice, composto solo da farina e acqua, senza lievito. L'azzimo si presenta quindi come un pane piatto, tipo sfogliata, dal colore molto chiaro.

Per via di questa particolarità, di non subire processi di fermentazione né di lievitazione, il pane azzimo somiglia molto ad una tortilla messicana, anche se la farina di base è diversa (di grano per l'azzimo e di mais per la tortilla). Ma varianti del pane azzimo si trovano anche in India dove si produce il roti (un pane senza lievito) e nella cucina ebraica dove in occasione della Pasqua si consuma il matzo (o matzah) l'analogo del pane azzimo per i cristiani.

Il legame del pane azzimo con la religione è fortissimo, da secoli sia il Cristianesimo che l'Ebraismo fanno del pane senza lievito un simbolo gastronomico del periodo di Quaresima che precede la Pasqua. La stessa ostia che viene servita durante il momento dell'Eucarestia dalla Chiesa Cattolica è un tipo di pane azzimo.

L'indicazione della ricetta del pane azzimo è contenuta nella Bibbia (cap 12 del libro dell'Esodo).

Ma al di là degli aspetti religiosi, molti consumano il pane azzimo per motivi dietitici (perché pensano che sia meno calorico e più digeribile, è molto utilizzato da chi crede di avere intolleranze al lievito, per lo più fasulle) o per motivi pratici (è più semplice da preparare e si conserva più a lungo). 

 

 

 

Storia e origini del pane azzimo

Pane azzimo

Parlare dell'origine del pane azzimo è come parlare della nascita dell'umanità... Molto probabilmente fu il primissimo tipo di pane cucinato dall'uomo, preparato impastando la farina di vari cereali con acqua e poi ponendola a cuocere su pietre roventi.

La scoperta del lievito naturale risale all'epoca degli Antichi Egizi (circa 4500 anni fa) ma prima non si conosceva.

Da quel primo pane rudimentale poi sono nati tutti gli altri con l'aggiunta di sale, olio, burro, spezie, erbe aromatiche e quant'altro.

Il pane azzimo in vendita o fai da te

Reperire il pane azzimo è semplicissimo, si può trovare in un qualsiasi supermercato oppure nei market specializzati in prodotti biologici e per le intolleranze alimentari.

In realtà è molto semplice anche da preparare in casa, se si ha un po' di voglia. Non occorre aspettare i lunghi tempi di lievitazione del pane comune (vedi ricetta del pane fatto in casa) e per la cottura bastano 15 minuti (più o meno a seconda dello spessore).

Basta rispettare le proporzioni: 500 g di farina, magari multicereale, e 300 g di acqua.

Volendo si può insaporire il pane azzimo aggiungendo all'impasto un filo d'olio, un po' di sale e delle erbe aromatiche.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Crostacei

I crostacei: dall'astice ai percebes, tutto quello che c'è da sapere sui crostacei.


Molluschi cefalopodi

I molluschi cefalopodi, i Supermolluschi, di cui fanno parte 5 specie molto importanti per l'alimentazione umana.


Maionese

La maionese: storia, preparazione, ricetta casalinga.


Acido fitico e fitati in crusca, legumi e cereali: sono pericolosi?

L'acido fitico e i fitati sono sostanze contenute nella crusca, nei semi oleosi, nei legumi e nei cereali, che possono comportare carenze di ferro e zinco. C'è da preoccuparsi?

 


Molluschi bivalvi

I molluschi bivalvi: caratteristiche, varietà e curiosità di questo affascinante mondo animale.


Istamina negli alimenti: cos'è e quali sono i danni dell'intossicazione da ammine biogene

L'istamina è una delle ammine biogene che possono contaminare gli alimenti e dare origine a malattie a comparsa improvvisa: ecco come evitare di ingerirla.


Patate

Le patate: arrivate nel Cinquecento in Europa sono uno degli ingredienti di base della cucina italiana e di tutto il mondo.


Insalata

L'insalata: un mix di alimenti, non solo ortaggi, che vengono conditi con olio, sale e aceto e consumato freddo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.