Pane azzimo

Il pane azzimo o azimo è un tipo di pane molto semplice, composto solo da farina e acqua, senza lievito. L'azzimo si presenta quindi come un pane piatto, tipo sfogliata, dal colore molto chiaro.

Per via di questa particolarità, di non subire processi di fermentazione né di lievitazione, il pane azzimo somiglia molto ad una tortilla messicana, anche se la farina di base è diversa (di grano per l'azzimo e di mais per la tortilla). Ma varianti del pane azzimo si trovano anche in India dove si produce il roti (un pane senza lievito) e nella cucina ebraica dove in occasione della Pasqua si consuma il matzo (o matzah) l'analogo del pane azzimo per i cristiani.

Il legame del pane azzimo con la religione è fortissimo, da secoli sia il Cristianesimo che l'Ebraismo fanno del pane senza lievito un simbolo gastronomico del periodo di Quaresima che precede la Pasqua. La stessa ostia che viene servita durante il momento dell'Eucarestia dalla Chiesa Cattolica è un tipo di pane azzimo.

L'indicazione della ricetta del pane azzimo è contenuta nella Bibbia (cap 12 del libro dell'Esodo).

Ma al di là degli aspetti religiosi, molti consumano il pane azzimo per motivi dietitici (perché pensano che sia meno calorico e più digeribile, è molto utilizzato da chi crede di avere intolleranze al lievito, per lo più fasulle) o per motivi pratici (è più semplice da preparare e si conserva più a lungo). 

 

 

Storia e origini del pane azzimo

Pane azzimo

Parlare dell'origine del pane azzimo è come parlare della nascita dell'umanità... Molto probabilmente fu il primissimo tipo di pane cucinato dall'uomo, preparato impastando la farina di vari cereali con acqua e poi ponendola a cuocere su pietre roventi.

La scoperta del lievito naturale risale all'epoca degli Antichi Egizi (circa 4500 anni fa) ma prima non si conosceva.

Da quel primo pane rudimentale poi sono nati tutti gli altri con l'aggiunta di sale, olio, burro, spezie, erbe aromatiche e quant'altro.

Il pane azzimo in vendita o fai da te

Reperire il pane azzimo è semplicissimo, si può trovare in un qualsiasi supermercato oppure nei market specializzati in prodotti biologici e per le intolleranze alimentari.

In realtà è molto semplice anche da preparare in casa, se si ha un po' di voglia. Non occorre aspettare i lunghi tempi di lievitazione del pane comune (vedi ricetta del pane fatto in casa) e per la cottura bastano 15 minuti (più o meno a seconda dello spessore).

Basta rispettare le proporzioni: 500 g di farina, magari multicereale, e 300 g di acqua.

Volendo si può insaporire il pane azzimo aggiungendo all'impasto un filo d'olio, un po' di sale e delle erbe aromatiche.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.