Muesli

Il muesli è un preparato solido composto da una base di fiocchi d'avena e/o altri cereali (mais, riso soffiato...) con l'aggiunta di frutta secca, semi oleosi e frutta disidratata.

Il muesli fu inventato da un medico svizzero, Maximilian Bircher-Benner, negli anni Venti del Novecento. Il medico lo nominò semplicemente Die Speise (in tedesco il piatto, l'alimento) e lo serviva a colazione ai pazienti del suo ospedale ai quali aveva consigliato una dieta ricca di frutta e verdura. Il muesli originale veniva tenuto a bagno durante la notte e poi servito la mattina con lo yogurt bianco, conteneva fiocchi d'avena, succo di limone, mela a pezzi, panna e mandorle o nocciole.

Questo piatto ebbe poi una grande diffusione in tutto l'Occidente a partire dagli anni Sessanta e divenne un alimento integrante di un po' tutte le diete (vegetariana, mediterranea etc...). Attualmente il muesli è un alimento simbolo della prima colazione conosciuto in tutto il mondo, venduto in confezioni di cartone o di plastica in tantissime varianti a prezzi abbordabili. Viene abbinato allo yogurt, al latte, al caffè, ai succhi di frutta, alla frutta fresca.

Nei Paesi del Nord Europa viene mangiato anche come pasto serale e nel Regno Unito è alla base di un piatto tipico, il porridge.

Il termine attuale "muesli" deriva da una storpiatura nella lingua tedesca della parola "mash-up" inglese, ossia "miscuglio".

 

 

Muesli e salute

Muesli

Negli ultimi decenni il muesli si è affermato come alimento salutare e dietetico, sempre sponsorizzato come fonte di benessere, facilmente digeribile, importante per una corretta alimentazione.

Ma quanto c'è di vero in questa affermazione? Quanto il muesli confezionato è davvero sano?

Tra i vantaggi del muesli possiamo annoverare: un alto contenuto di fibre (soprattutto se i cereali sono integrali), di antiossidanti, di proteine e di omega 3 (soprattutto se sono presenti le noci o i semi di lino); inoltre, di principio, contiene un basso tasso di zuccheri semplici (nella sua versione tradizionale).
Dico "di principio" perchè purtroppo la maggior parte dei muesli confezionati in commercio vengono addizionati con zuccheri, oli vegetali e altri grassi, e non sono affatto dietetici! Prendiamo per esempio questo "muesli croccante", che ha una densità calorica equivalente a dei biscotti al burro (478 kcal/hg!), contiene olio di palma tra i primi ingredienti, aromi di sintesi... Insomma non proprio il massimo dal punto di vista salutistico e della genuinità, per usare un eufemismo.

Il muesli può essere anche fatto in casa ed è semplicissimo da preparare comprando gli ingredienti separatamente: fiocchi d'avena, un mix di frutta secca (nocciole, noci, pecanmandorle) da tritare, miele, semi di lino (o di sesamo, di zucca etc...) e, per i più golosi, scaglie di cioccolato fondente e frutta fresca da aggiungere al momento. Sul mercato comunque esistono muesli di qualità e non troppo "pompati" dal punto di vista degli zuccheri e dei grassi (e quindi delle calorie), basta prestare attenzione a che tra gli ingredienti non compaiano né zucchero, né oli vegetali, né aromi.

Una porzione corrisponde "normale" di muesli varia da 30 a 60 g, per un totale di 100/200 kcal (visto che 100 g di muesli hanno circa 360 kcal/hg.

Le varianti di muesli

Oltre alla base di fiocchi d'avena al muesli possono essere aggiunti tanti altri ingredienti:

  • tra i cereali: riso soffiato, orzo soffiato, fiocchi di mais (detti cornflakes in inglese);
  • frutta essiccata e disidratata: uva sultanina, albicocche, prugne, mele, banane, kiwi, mirtilli o altri frutti di bosco;
  • frutta secca: noci, pinoli, nocciole, anacardi, mandorle (a scaglie o intere).

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Mercurio negli alimenti: dove si trova e come difendersi

Il mercurio negli alimenti è uno dei rischi per la sicurezza alimentare ad oggi più diffusi. Ecco in quali cibi si trova e come possiamo limitarne l'assunzione.


Coadiuvanti tecnologici

I coadiuvanti tecnologici sono sostanze utilizzate nella trasformazione di materie prime, prodotti alimentari o loro ingredienti, ma che non vengono riportate in etichetta.


Emulsionanti

Gli emulsionanti sono additivi utilizzati principalmente per stabilizzare nel tempo alimenti che contengono grassi, e prodotti da forno come colombe e panettoni.


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.

 


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.