Aceto di miele

L'aceto di miele è un tipo di aceto usato principalmente come condimento e ottenuto dalla fermentazione dell'idromele, una bevanda alcolica prodotta anch'essa dalla fermentazione del miele.

Sia l'aceto di miele che l'idromele hanno origini antichissime, entrambi, infatti, venivano prodotti già dagli Antichi Egizi, in un'epoca in cui ancora non si conosceva la coltura della vite e quindi non veniva ancora prodotto l'aceto di vino, in Italia il più diffuso e consumato.

Così come l'idromele viene considerata la bevanda alcolica più antica al mondo, l'aceto di miele viene considerato l'aceto più antico al mondo.

Produzione dell'aceto di miele

L'aceto di miele viene prodotto a partire da acqua e miele. Il miele utilizzato è solitamente quello di castagno, ma si trovano anche aceti di millefiori, di lavanda o di acacia.

Il miscuglio di acqua e miele serve prima di tutto per diluire il miele e ridurre la sua viscosità, successivamente vengono attivati due processi, prima la fermentazione alcolica (e fermandosi a questa si ottiene l'idromele) e poi quella acetica.

L'aggiunta di fermenti particolari innescano la prima fermentazione degli zuccheri tipici del miele (fruttosio, glucosio, saccarosio, maltosio e isomaltosio), successivamente l'aggiunta di lieviti produce quella che comunemente conosciamo come fermentazione alcolica, quella tipica del vino per intenderci, e viene effettuata in botti di acciaio inox.

L'idromele così ottenuto viene travasato, filtrato e reso limpido, quindi posto in botti di legno assieme ai batteri acetici (Acetobacter) fino al completamento della fermentazione acetica e alla trasformazione in aceto. 

Il processo di produzione dura circa un anno, poi l'aceto di miele viene commercializzato senza ulteriori interventi di filtrazione nè pastorizzazione. Il prezzo è di circa 10-12 € al litro.

 

 

 

Usi dell'aceto di miele in cucina

Aceto miele

L'aceto di miele si presenta con un colore dorato, un profumo intenso che varia in base al miele utilizzato e un gusto acidulo dovuto alla presenza dei batteri.

In cucina viene usato per vari scopi: per condire le insalate di verdure o le macedonie di frutta, per insaporire piatti a base di carne (solitamente quella di maiale), oppure le verdure in agrodolce (finocchi, cipolle, carote), viene usato anche come conservante naturale.

Può, infine, anche essere usato come bevanda dissetante: se diluito in acqua calda in inverno come corroborante e digestivo, se diluito con acqua e ghiaccio in estate come rinfrescante.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Molluschi cefalopodi

I molluschi cefalopodi, i Supermolluschi, di cui fanno parte 5 specie molto importanti per l'alimentazione umana.


Maionese

La maionese: storia, preparazione, ricetta casalinga.


Acido fitico e fitati in crusca, legumi e cereali: sono pericolosi?

L'acido fitico e i fitati sono sostanze contenute nella crusca, nei semi oleosi, nei legumi e nei cereali, che possono comportare carenze di ferro e zinco. C'è da preoccuparsi?


Molluschi bivalvi

I molluschi bivalvi: caratteristiche, varietà e curiosità di questo affascinante mondo animale.

 


Istamina negli alimenti: cos'è e quali sono i danni dell'intossicazione da ammine biogene

L'istamina è una delle ammine biogene che possono contaminare gli alimenti e dare origine a malattie a comparsa improvvisa: ecco come evitare di ingerirla.


Patate

Le patate: arrivate nel Cinquecento in Europa sono uno degli ingredienti di base della cucina italiana e di tutto il mondo.


Insalata

L'insalata: un mix di alimenti, non solo ortaggi, che vengono conditi con olio, sale e aceto e consumato freddo.


Ginger ale e Ginger beer

Ginger ale e Ginger beer, due soft drinks al gusto di zenzero.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.