Chutney - salsa indiana

Il chutney, chiamato anche chatney o chatni, è una salsa piccante dalla consistenza densa usata come condimento nella cucina indiana e pakistana. Il nome deriva dal verbo indiano "catna" che significa "leccare".

Il chutney è composto principalmente da spezie (zenzero, zafferano, cumino, curcuma, peperoncino etc...), frutta (mango, cocco, mela, pera, pesca...) o ortaggi (zucca, pomodoro, barbabietola, carote...).

Alcune volte il chutney viene preparato con una base di yogurt, altre volte con aceto, succo di limone o con zucchero, e si distinguono due tipi di chutney, quello salato e quello dolce, il suo gusto tendenzialmente rimane sempre agrodolce e piccante.

 

 

Il chutney può essere preparato a crudo, senza cuocere gli ingredienti o limitandosi a marinarli, oppure cotto, come fosse una marmellata oppure saltando in padella gli ingredienti scelti.

In India viene usato come condimento per accompagnare i piatti principali a base di carne, pesce, verdure o riso.

Negli ultimi tempi anche in Occidente è facile reperire dei chutney già pronti, nei negozi asiatici o nei supermercati più forniti, confezionati in vasetti di vetro, anche se è sicuramente meglio provarne uno direttamente in un ristorante indiano o magari preparandoselo in casa, avrà un sapore più autentico e meno conservanti!
In un chutney fatto in casa, infatti, basta usare il succo di limone o l'aceto che avranno la funzione di conservanti naturali.

Tipologie di chutney

Chutney

Esistono moltissime varianti di chutney a seconda del mix di spezie, frutta e ortaggi che si usano; inoltre molto dipende anche dalla base scelta: yogurt, aceto o succo di limone. Anche il colore e la consistenza cambiano a seconda degli ingredienti scelti.

In India sicuramente il più diffuso è quello di mango che si distingue in:

  • Avakkai mangai (chutney di mango classico): composto da un trito grossolano di mango, zenzero, cocco, peperoncino rosso e prezzemolo. A volte si trovano anche aglio, cannella, uvetta e datteri.
  • Chunda (chutney di mango dolce): il mango viene cotto in una casseruola assieme a zenzero, zucchero, sale, pepe rosso, garam masala e succo di limetta.
  • Mangga thuvial (chutney di mango verde): ottenuto con un trito di mango, cipolla, peperoncini tostati, cocco, coriandolo, semi di senape e ceci (o piselli gialli secchi) saltati in padella.
  • Chanti khasa: una versione di chutney molto piccante, fatta con crema di mango anzichè con trito.
  • Major Grey's chutney: creato dagli inglesi colonizzatori nell'Ottocento, questa salsa contiene mango, uva passa, tamarindo, cipolle, aceto e succo di limone.

Inoltre troviamo altri tipi di chutney la cui base non è il mango ma un altro frutto o un ortaggio:

  • Hari chutney: sono tutti quei chutney verdi a base di menta e coriandolo;
  • Dahi chutney: tipico del Sud dell'India, ha una base di yogurt, cipolle e menta;
  • Thenga chatni: chutney a base di cocco fresco, aglio tritato, peperoncini, zenzero, ceci (o piselli gialli secchi), senape nera, lenticchie bianche, sale e olio;
  • Pudina ki chatni (chutney di coriandolo e menta): composto da foglie di coriandolo e di menta, peperoncini verdi, zenzero, aglio, sale, pepe rosso, succo di limone, yogurt e zucchero;
  • Chutney autunnale: ottenuto con la frutta della stagione autunnale tritata (pere, mele e prugne) bollita insieme a cipolle, uva passa, aceto, succo d'arancia, scorza grattugiata d'arancia, zucchero di canna e pepe. Una volta preparata, questa chutney deve riposare al buio per circa due mesi;
  • Hussaini tamatar qoot: chutney di pomodori cotti in padella con peperoncino verde, zenzero grattugiato, semi di senape nera, coriandolo, curcuma; aglio, ghee (burro) e zucchero di canna;
  • Saunth ki chatni: con pasta di tamarindo, peperoncino, zenzero, sale, zucchero e foglie di coriandolo. A volte si aggiungono anche datteri, semi di nigella (kalonji), semi di finocchio, semi di cumino, zucchero di palma o di canna;
  • Chutney tandoori: yogurt sbattuto al quale si aggiungono foglie di menta e garam masala, si usa nella cottura al forno del pollo tandoori;
  • Blatjang: è un chutney tipico del Sud Africa, composto da albicocche, è molto dolce.

 

E ancora si possono realizzare chutney di carote, di cetrioli, di melanzane, di zucca, di sesamo, di datteri, di cipolle, di aglio, di noccioline, di arancia, di mirtilli e così via.
Ultimamente il chutney è entrato di diritto nelle cucine dei grandi chef che lo ripropongono nella propria versione personale e ne hanno fatto una nuova moda culinaria.

Ricetta del chutney di mango

Preparare un chutney in casa è molto semplice, inoltre si possono variare le spezie a seconda dei gusti. Quello che propongo è quello classico al mango in versione cotto come fosse una marmellata, che si abbina bene alle carni rosse ma anche alla selvaggina, all'anatra o alla faraona.

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 g di mango (circa 4 ben maturi)
  • 100 g di zucchero di canna o preferibilmente grezzo
  • 1 peperoncino rosso fresco
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 limone o 2 lime
  • 1 cucchiaio di aceto di mele
  • 1 pizzico di sale

Le spezie, circa 20 g l'una (metto un elenco dal quale si possono scegliere, oppure le si può usare tutte o provare diversi abbinamenti):

  • zenzero fresco grattugiato
  • curcuma
  • cumino
  • uva sultanina
  • cardamomo
  • semi di senape
  • coriandolo tritato

Procedimento

In una casseruola abbastanza ampia mettere il mango pelato e tagliato a cubetti, aggiungere qualche spicchio di limone o di lime, il peperoncino tagliato a rondelle e l'aceto. Cuocere a fuoco moderato per circa 10 minuti, poi unire lo zucchero e il sale e continuare a cuocere a fiamma bassa per altri 30 minuti, finché il composto non sia omogeneo, aggiungendo acqua di tanto in tanto. Infine unire tutte le spezie continuando a mescolare, lasciar intiepidire e servire in piccole ciotoline.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.

 


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.