Tapenade

La tapenade è una salsa di origine francese, per l'esattezza provenzale, a base di olive, capperi e acciughe. La parola stessa tapenade deriva dal termine francese "tapenas" che sta per "capperi".

In alcune ricette si prevede l'aggiunta di altri ingredienti quali l'aglio, varie erbe aromatiche, il succo di limone o il cognac.

La tapenade è un piatto molto famoso in tutto il mondo, soprattutto in Europa e nel Nord America, e viene associato alla Francia, anche se, in realtà, l'idea di mescolare le olive ai capperi e alle acciughe venne per primi ai Romani e, in effetti, il patè di olive è un piatto che in Italia vanta origini antichissime...ma allora come mai il nostrano patè non ha mai raggiunto i livelli di fama della tapenade?

Credo che il motivo sia per il fatto che non è un prodotto su cui gli italiani puntano, anzi, di solito viene snobbato e tenuto in poca considerazione, soprattutto se messo di fronte alla produzione dell'olio extra vergine di oliva, trattato invece come oro e, giustamente, con prezzi molto più elevati rispetto ai patè di olive.

O magari, semplicemente, il nome "tapenade" è più accattivante... 

La tapenade provenzale viene consumata come salsa di accompagnamento al pane, ai crostini o ai crackers durante gli aperitivi o gli antipasti, ma può anche essere usata come farcia della carne poi cotta al forno.

Ricetta della tapenade

Tapenade

Solitamente vengono usate le olive nere per la tapenade che è, infatti, di colore scuro, ma possono essere usate anche quelle verdi o un mix delle due. Consiglio di usare le taggiasche, sia perchè sono molto saporite, sia perchè se le si acquista mature sono più facili da snocciolare. In vendita, inoltre, si trovano anche già snocciolate, meglio se conservate sott'olio extravergine di oliva. Stessa cosa vale per le acciughe e per i capperi...

Ingredienti per circa 200 g di tapenade

  • 200 g di olive taggiasche snocciolate
  • 4 filetti di acciughe sott'olio
  • 50 g di capperi sotto sale
  • pepe q.b.
  • olio extra vergine di oliva q.b. per la conservazione

 

 

Procedimento:lavare i capperi sotto l'acqua corrente, quindi mettere tutti gli ingredienti in un mixer tritatutto e azionarlo fino a quando non si otterrà una crema densa e omogenea.

Conservare la tapenade in un contenitore di vetro ricoperto d'olio, livellandolo tutte le volte che viene usata e l'olio viene a mancare. In frigorifero si conserva per circa una decina di giorni.

La tapenade si abbina bene alle uova sode e anche al bollito di carne o pesce.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Selenio

Il selenio è un elemento importante per contrastare il danno ossidativo prodotto dagli idroperossidi: scopriamo quando c'è rischio di carenza o eccesso, vantaggi o svantaggi.


Sardina o sarda

Sardina o sarda: il pesce azzurro ricco di omega 3. Come sceglierla, la stagione migliore, la preparazione e le ricette.


Chutney - salsa indiana

Il chutney o chatni è una salsa piccante a base di frutta e spezie tipica della cucina indiana.


Wafer paper o Rice paper

Wafer paper (o rice paper): l'ultima frontiera del cake design fatta con fogli di ostia.

 


Pasta di semola di grano duro

Pasta - Produzione e caratteristiche della pasta di semola di grano duro


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.


Birra triplo malto

La birra triplo malto molto probabilmente è nata per imitare la tripel belga e indica una birra ad alta gradazione alcolica, non uno stile di birra.


Birra doppio malto

La birra doppio malto: una birra che esiste solo in Italia ideata dalla legge italiana. Più che uno stile di birra, è una tassa...