Ricette con il panettone

Il panettone è uno dei responsabili dell'aumento di peso che moltissimi italiani si trovano a dover gestire alla fine delle feste natalizie. Un panettone da 750 g ha mediamente 2700 kcal, dunque due fanno 5400 kcal, che corrispondono grosso modo a 1,2 kg di peso in più qualora il consumo di panettone venga aggiunto alla normale alimentazione, senza togliere calorie da altri cibi... Cosa che in genere (nella migliore delle ipotesi) avviene.

Visto che il panettone è così calorico, cerchiamo di gestirlo al meglio... Ma come? In questo articolo vi propongo due strategie: puntare sull'alta qualità e alleggerire il panettone preparando ricette Sì che lo utilizzano come ingrediente.

Calorie e valori nutrizionali del panettone

Poco ma buono: il panettone di alta qualità

Ricette con il panettone

Intanto, puntiamo sull'alta qualità: il panettone è un prodotto di cui si abusa anche perché l'industria lo offre a un prezzo bassissimo, e quindi non esiste il deterrente costo. Un panettone industriale costa, al kg, poco più del pane (circa 5 euro): assurdo, se consideriamo gli ingredienti con cui è prodotto e il lungo processo produttivo.

Esistono molte pasticcerie che propongono il panettone artigianale. Ricordo benissimo quando, nel lontano 2001, comprai un panettone da 30 mila lire al kg a Milano, rimanendo piuttosto deluso.

 

 

Forse il mio senso del gusto ora è migliorato... O forse, non tutto ciò che è artigianale è meglio di ciò che è industriale.

Tra i prodotti artigianali che ho assaggiato, parlerei di quelli di Loison, se non altro perché ormai si trovano anche al supermercato. Per questo motivo in questo articolo lo porto ad esempio, anche se non è il solo a proporre panettoni che surclassano i classici prodotti industriali e di certo non è il migliore. Ne esistono anche altri, di panettoni artigianali molto interessanti, come per esempio quello della pasticceria Filippi di Vicenza. Sono tutti prodotti che non si trovano al supermercato (tranne Loison), ma nei negozi specializzati in cibi di qualità e nelle enoteche (e su internet).

Basta mettere a confronto un panettone di Loison con un qualunque panettone industriale per capire che il basso prezzo lo si paga con una qualità molto inferiore. Io l'ho fatto e sono rimasto impressionato: guardate solo la differenza di colore e di aleveolatura tra i due panettoni (quello sopra è un panettone industriale, quello sotto quello di Loison).

Panettone a confronto

Per non parlare del gusto dei canditi: anche il palato meno allenato non può non notare una differenza abissale.

Il panettone di Loison ha conservato tutta la sua bontà e morbidezza anche dopo 15 giorni dopo l'apertura: impressionante.

Un'altra marcia in più di Loison (ma vale per la gran parte dei prodotti artigianali) è il fatto di unire la tradizione e l'altissima qualità degli ingredienti con l'innovazione: accanto ai prodotti tradizionali, infatti, propone una gamma infinita di varianti, per venire incontro a tutte le esigenze. Noi abbiamo assaggiato 4 tipi di panettone, e tutti ci hanno colpito positivamente (il panettone classico, al prosecco, al mandarino tardivo di Caciulli e alle amarene).

 

L'innovazione si esprime anche nella rete di distribuzione: i panettoni di Loison si possono acquistare su eBay, presso il produttore e presso la rete di negozi la cui lista si trova nel sito del produttore.

Ricette Sì con il panettone

Dato che ci troveremo per le mani tanti panettoni industriali, invece di mangiarli a colazione o peggio a fine pasto ingurgitando centinaia di calorie in più del necessario, divertiamoci a trasformare il panettone con ricette che lo utilizzano come ingrediente. Tuttavia, cerchiamo di non aggravare la situazione aggiungendo ingredienti che hanno ancor più calorie del panettone stesso! Ecco un esempio di dolce di sicuro effetto, che dimezza le calorie del panettone portandole da 360 a 180 kcal per 100 g: la torta di panettone con crema di ricotta e lamponi; o il panettone in carrozza, ottimo per la colazione.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Emulsionanti

Gli emulsionanti sono additivi utilizzati principalmente per stabilizzare nel tempo alimenti che contengono grassi, e prodotti da forno come colombe e panettoni.


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.

 


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.