Borragine

La borragine (borago officinalis) è una pianta erbacea della famiglia delle Boraginacee.

Originaria del Medio Oriente si è diffusa in tutto il bacino Mediterraneo e nell'America Centrale. La borragine è una pianta che necessita di un clima temperato, ed è molto facile da coltivare.

Il suo nome deriva dalla parola latina "borra", letteralmente "tessuto di lana", per via della peluria che ricopre tutta la pianta. 
È alta dai 50 agli 80 cm, ha foglie bislunghe e ruvide e fiori a forma di stella che vanno dal blu al violetto.

Proprietà della borragine

La borragine è sempre stata, fin dai tempi degli Egizi, una pianta conosciuta e usata dalla medicina per le sue innumerevoli proprietà curative.

Borragine

Attualmente, però, è stata tolta dalla classificazione delle piante medicinali, perchè non è sicura, in quanto se assunta in elevate quantità può risultare tossica. Consumata con moderazione, comunque, non ha nessuna controindicazione, ed è tra le piante più coltivate a livello industriale per la produzione di infusi, tisane o integratori ed anche per la produzione dell'olio omega 6 linoleico, che ha una funzione molto importante per il sistema cardio-vascolare, utile a controllare sia l'ipertensione che il colesterolo alto.
Inoltre, la borragine ha proprietà diuretiche, depurative, antinfiammatorie, emollienti e curative in caso di eczemi o psoriasi.

La borragine in cucina

Della borragine si consumano per lo più le foglie, che vanno consumate appena raccolte, bollite o stufate come gli spinaci. Possono anche essere usate in insalata, nei minestroni, nel ripieno dei ravioli liguri, nelle fritatte o nelle frittelle. Hanno un sapore che ricorda molto quello del cetriolo. I fiori, invece, vengono usati o per dare un colore azzurro molto allettante all'aceto o a bevande estive, o mangiati fritti o semplicemente come decorazioni del piatto.
Chi ha problemi al fegato dovrebbe evitare di mangiare la borragine, perchè contiene un alcaloide, la pirrolizidina, anche se in minima quantità.  

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.

 


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.