Camomilla

La camomilla (Matricaria chamomilla) è una pianta erbacea della famiglia delle Asteracee.

Il suo nome ha una duplice origine: "matricaria" deriva dal latino "matrix", matrice, intesa come utero della donna da cui tutto ha origine, in riferimento ai poteri calmanti durante il periodo mestruale; "chamomilla" deriva dal greco e significa "mela del terreno", in riferimento al suo odore molto simile a quello della mela.

La camomilla è una pianta originaria dell'Europa Occidentale, molto diffusa anche in Italia. E' una pianta che sia adatta bene a qualsiasi tipo di terreno e diventa spesso infestante per le coltivazioni agrarie. Ha un fusto lungo dai 10 ai 30 cm, foglie pennatosette verdi e fiori molto simili alle margherite, ma con una corona gialla più grande e sporgente e petali bianchi più distaccati.

La varietà più pregiata di camomilla è la camomilla romana, più aromatica della matricaria e prevalentemente usata per produrre tabacco da pipa, per aromatizzare vermouth e liquori alle erbe, grazie alle sue proprietà digestive.

Camomilla

Proprietà della camomilla

Della camomilla si raccolgono i fiori che si usano sia freschi che essiccati, messi in infusione per creare tisane, liquori, creme o shampoo.

Le proprietà riconosciute alla camomilla sono innumerevoli, prima tra tutte quella di essere un buon calmante, sia nei disturbi del sonno dove agisce come leggero sonnifero, sia nei disturbi d'ansia dove si comporta come un leggero sedativo. È un ottimo digestivo e viene anche usata per placare la dismenorrea, gli spasmi muscolari, i reumatismi, le coliche infantili, tanto da essersi meritata anche l'appellativo di 'erba dei bambini'. Lenisce le congiuntiviti ed è utile in caso di eczemi o psoriasi.

 

 

Inoltre, la camomilla è usata anche per nutrire i capelli ed il cuoio capelluto. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.