Capperi

I capperi sono le infiorescenze ancora racchiuse nel bocciolo di una pianta perenne che cresce spontaneamente sulle rupi e sui muri di vecchie case, in tutte quelle zone bagnate dal Mediterraneo: la pianta del cappero (capparis spinosa), conosciuta fin dall'antichità.

Il cappero ha foglie lucide e carnose e fiori bianchi con grandi petali. 

I capperi non sono i frutti del cappero, bensì i boccioli dei fiori non ancora schiusi, che sono piccoli, duri e verdi, e hanno un sapore molto forte.

Il frutto è composto da una bacca che ospita al suo interno molti semi neri e a volte viene raccolto anch'esso per essere mangiato, in Sicilia soprattutto, dove prende il nome di "cucuncio", ma è meno diffuso dei capperi.

Capperi

I capperi vengono raccolti ancora chiusi e conservati sotto sale, sotto olio, sott'aceto o in salamoia, anche se i migliori sono quelli conservati sotto sale, che vanno ammollati in acqua tiepida per qualche minuto prima di essere utilizzati.

Sono molto versatili in cucina, possono utilizzati in mille modi per preparare primi piatti, secondi, salse e condimenti. Si sposano molto bene con i pomodori, con le patate, con il pesce azzurro, con le insalate.

I capperi italiani più rinomati, perchè molto ricchi di gusto, sono i capperi di Pantelleria, inseriti nell'elenco di Prodotti Agroalimentari Tradizionali Siciliani e dal 1996 protetti dal marchio IGP.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.