Cardamono o cardamomo

Il cardamomo (anche chiamato cardamono) è il seme di una pianta tropicale che cresce nelle foreste. Era conosciuto fin dai tempi dei Greci e dei Romani, che lo utilizzavano per produrre profumi.

Il cardamomo si presenta come una capsula che contiene tanti piccoli semi. In commercio il cardamomo si trova sottoforma di capsule essicate da rompere per estrarre i semi, che vanno poi macinati, sottoforma di semi sciolti oppure macinati.

I semi di cardamomo tendono a perdere il loro aroma molto facilmente quindi è bene acquistare le capsule essicate e macinare i semi al momento.

Il cardamomo viene utilizzato nei dolci, soprattutto in quelli a base di cioccolato, oppure nei piatti tipici orientali a base di riso come il biryani.

Gli indiani sono soliti masticarlo durante la giornata: chi ha questa abitudine si riconosce subito, perché basta avvicinarsi a questi soggetti per avvertire un forte odore di cardamomo.

Cardamono o cardamomo

Guida all'acquisto e utilizzo

Il cardamomo come spezia si presenta come una capsula di colore verde scuro o marrone, che contiene tanti piccoli semi umidi e appicicaticci uniti tra loro. In commercio si trova sottoforma di capsule essicate da rompere per estrarre i semi, che vanno poi macinati (anche se non è semplice ridurli in polvere senza prima tostarli) oppure utilizzati come tali in infusione, come si fa con altre spezie come il chiodo di garofano o la cannella in stecche.

I semi di cardamomo tendono a perdere il loro aroma molto facilmente quindi è bene acquistare le capsule essicate e macinare i semi al momento oppure utilizzarli in infusione.

 

 

 

Oltre agli indiani, che lo usano nei piatti a base di riso per le festività come il pilau e il biriani, spesso associato a mandorle, zafferano ed altre spezie, anche gli arabi ne sono dei grandi consumatori, utilizzandolo preferibilmente per aromatizzare il caffè.

Nell'Europa settentrionale il cardamomo viene usato nella preparazione di dolci e in pasticceria.

In Italia il cardamomo è una delle spezie meno conosciute e meno utilizzate, sicuramente non fa parte della nostra tradizione. Il suo intenso aroma balsamico ne rende veramente difficile la collocazione nei piatti salati (di solito lo si trova sapientemente miscelato nei mix di spezie come il curry), mentre nei dolci è sicuramente possibile sperimentarlo, soprattutto in quelli a base di cioccolato e caffè.

Un'altra possibile collocazione è nei dolci speziati, tipici della cucina indiana, che fanno uso di spezie generalmente utilizzate per piatti salati come lo zafferano.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Meringa (italiana, francese, svizzera)

La meringa (italiana, francese, svizzera), una preparazione di pasticceria a base di albume d'uovo e zucchero.


Meringa (italiana, francese, svizzera)

La meringa (italiana, francese, svizzera), una preparazione di pasticceria a base di albume d'uovo e zucchero.


Crostacei

I crostacei: dall'astice ai percebes, tutto quello che c'è da sapere sui crostacei.


Molluschi cefalopodi

I molluschi cefalopodi, i Supermolluschi, di cui fanno parte 5 specie molto importanti per l'alimentazione umana.

 


Maionese

La maionese: storia, preparazione, ricetta casalinga.


Acido fitico e fitati in crusca, legumi e cereali: sono pericolosi?

L'acido fitico e i fitati sono sostanze contenute nella crusca, nei semi oleosi, nei legumi e nei cereali, che possono comportare carenze di ferro e zinco. C'è da preoccuparsi?


Molluschi bivalvi

I molluschi bivalvi: caratteristiche, varietà e curiosità di questo affascinante mondo animale.


Istamina negli alimenti: cos'è e quali sono i danni dell'intossicazione da ammine biogene

L'istamina è una delle ammine biogene che possono contaminare gli alimenti e dare origine a malattie a comparsa improvvisa: ecco come evitare di ingerirla.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.