Curry

Il curry non è una vera e propria spezia, ma una miscela di spezie di origine indiana pestate nel mortaio.

A seconda della formulazione si avrà un curry "mild", mediamente piccante, o "sweet", molto piccante, contrariamente a quanto si potrebbe pensare.

La formulazione classica del curry comprende pepe nero, cumino, coriandolo, cannella, zafferano, curcuma, ma anche chiodi di garofano, zenzero, noce moscata, fieno greco, peperoncino.

La parola curry è europea e deriva dal nome tamil "cari", che significa salsa o zuppa.

Gli inglesi arrivati in India hanno acquisito questo termine nella loro lingua, indicando la mistura di spezie piuttosto che il piatto cucinato: così è nato il curry.

In India, infatti, l'equivalente europeo del curry (mistura di spezie) è indicato con il termine "masala". Esistono decine di masala differenti: nelle cucine dei ricchi signori indiani esistevano esperti in miscele di spezie che selezionavano e preparavano le misture per i loro padroni. I masala più famosi sono il garam masala e il tandoori masala.

Guida all'acquisto e uso in cucina

Curry

Il curry si trova un po' ovunque e può variare anche parecchio come aroma ma soprattutto come sapore.

nfatti esistono più varietà, dipendentemente dalla quantità di peperoncino: il mild è quello dolce, per niente piccante, poi ci sono le varietà piccanti (medium, strong e sinonimi vari).

È interessante avere almeno due versioni di curry, quello dolce da utilizzare nei piatti dove il piccante può non piacere ma si vuole conferire solo l'aroma, come nei piatti a tendenza dolce poiché la sensazione dolce-piccante è molto particolare e adatta solo per palati navigati; e quello piccante da utilizzare nei piatti classici.

 

 

Ormai il curry è un sapore entrato a fare parte della nostra cultura, tutti più o meno hanno assaggiato un pollo al curry nella loro vita, dunque il gusto del curry è tipicamente associato a qualcosa di orientale ma noto. Questo ne facilita l'utilizzo: infatti questa miscela di spezie può essere usata veramente ovunque si voglia dare un tocco di orientale.

Quando avete voglia di qualcosa al curry... Semplicemente utilizzatelo con quello che avete in mente di mangiare, con l'unica accortezza di non usare il curry piccante se il piatto ha una tendenza dolce.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.