Bacche di ginepro

Il ginepro è una pianta appartenenete al genere delle Cupressaceae, diffusa in tutto il Mediterraneo, dove cresce spontaneamente ed è molto longeva.

Il ginepro è un arbusto che può essere alto tra 1 e 10 metri, è un sempreverde ed ha bacche commestibili di colore blu-violaceo dall'odore fortemente aromatico e ddal sapore acidulo.

Il nome stesso latino, juneprus, significa acre.

Le bacche di ginepro sono prodotte solo dal fiore femminile, e si raccolgono dopo 3 anni di maturazione, poi vengono fatte essiccare.

Le sue bacche sono conosciute ed utilizzate fin dall'antichità, quando venivano usate contro la peste e per anestetizzare il morso dei serpenti.

Oggi trovano svariati impieghi in cucina.

Bacche di ginepro

Vengono utilizzate, per esempio, per aromatizzare la selvaggina, i roast-beef e gli stufati di carne in genere, ma anche per affumicare salumi come lo speck e la mortandela, oppure per insaporire contorni a base di patate.

Il ginepro è, inoltre, l'ingrediente fondamentale per produrre il gin, ma anche altri liquori, ai quali conferisce una piacevole nota balsamica.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.

 


Le differenze tra l'astice e l'aragosta

Le differenze tra l'astice e l'aragosta: può sembrare banale ma sono le chele dell'astice a fare la differenza!


Aragosta - Cucinare l'aragosta

L'Aragosta, il più nobile dei crostacei è anche il più costoso.


Astice

L'Astice, il secondo crostaceo più pregiato dopo l'aragosta, si trova in tutto il Mediterraneo, nell'Oceano Atlantico e nel Mar Adriatico.


Indice di sazietà degli alimenti

Il potere saziante dei cibi è una variabile fondamentale per controllare lo stimolo della fame.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.