Lavanda

La lavanda, o lavandula officinalis, è una pianta erbacea originaria delle zone mediterranee della famiglia delle Labiatae. La sua regione d'eccellenza è la Provenza, in Francia, ma è diffusa anche in tutta Italia, sia nelle zone pianeggianti sia nelle zone montane fino a 1800 metri slm. Predilige terreni aridi e sassosi, zone soleggiate e ventilate, ma non ha bisogno di particolari cure, è capace di resistere sia al freddo che al caldo torrido.

La pianta della lavanda ha una base legnosa e si alza ramificandosi in numerosi steli fino al metro di altezza. Le foglie sono sottili e strette di colore argentato e le infiorescenze sono raggruppate in spighe di colore viola-azzurro. La fioritura avviene a giugno.

Il nome deriva dal latino e fa riferimento all'antica abitudine dei Romani di usare la lavanda per profumare l'acqua dei bagni pubblici. 

Tipologie di lavanda

Lavanda

Esistono diverse varietà di lavanda, a seconda del terreno, del tipo di foglia e del colore dei fiori, ma sono tutte estremamente simili:

  • lavanda officinalis o spica (foglie di colore grigio-verde e infiorescenze lunghe fino a 10 cm)
  • lavanda stoechas (foglie strette e lineari, ricoperte di peluria, infiorescenza con alla sommità un ciuffo di petali viola)
  • lavanda latifolia (la pianta è più grande e i fiori sono di un azzurro pallido, ma il suo profumo è meno apprezzato di quello delle altre varietà)
  • lavanda angustifolia (tipica dell'Inghilterra, ha spighe floreali ridotte ed è la più profumata)
  • lavanda dentata (ha foglie con i margini dentati)
  • lavanada lanata (ha foglie bianche ricoperte di una fitta peluria e fiori molto grandi)

 

 

Proprietà e usi della lavanda

La lavanda è sicuramente una delle piante aromatiche più usate e richieste dal mercato, sia nel settore cosmetico che erboristico, ma anche in quello ornamentale e in parte anche alimentare. Dalle sue parti verdi e dai fiori si ricava l'olio essenziale dal caratteristico profumo simile a quello della canfora ma più elegante e delicato.

I fiori della lavanda si raccolgono in epoche diverse a seconda dell'uso che se ne deve fare: per uso erboristico si raccolgono all'inizio della fioritura, per uso cosmetico e per altri scopi a completa fioritura. Le spighe si raccolgono con tutto il fusto e vengono fatte essiccare a testa in giù, poi sbriciolate. Dal momento che mantengono inalterato il loro profumo a lungo, vengono usate per comporre potpourri e sacchetti profumabiancheria. La lavanda viene usata anche per comporre profumi, creme, detersivi, saponi.

A livello terapeutico, una tisana alla lavanda è utile per calmare l'ansia, il mal di testa, la nausea, la laringite, la flautolenza, date le sue proprietà sedative e antispasmodiche. 

La lavanda in cucina

L'uso alimentare della lavanda è molto limitato. I fiori si possono usare nella preparazione di dolci e biscotti, le foglie nella ricetta dell'agnello al forno o nei risotti abbinata al rosmarino. Si produce anche un ottimo miele di lavanda. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.

 


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.