Luppolo

Il luppolo è una pianta perenne che deve la sua fama al fatto che viene usata per produrre la birra, assieme al mosto di vari cereali. Il nome scientifico, Humulus Lupulus, deriva dall'unione di due parole latine: humus= terra e lupus= lupo, ad indicare il carattere selvatico e indomito di questa pianta che difficilmente si adatta ad essere coltivata.

La pianta del luppolo è rampicante e può arrivare fino agli 8 metri di altezza, appartiene alla famiglia delle Cannabacee e predilige ambienti freschi e terreni fertili, come quelli vicini a dei corsi d'acqua, ai margini dei boschi e fino a 1200 metri s.l.m..

Il luppolo fu importato in Italia nel 1847 dall'agronomo Gaetano Pasqui di Forlì ed attualmente è molto diffuso soprattutto nelle regioni del Centro-Nord. 

Si distingue poiché i fiori maschili e femminili si sviluppano su piante diverse. Solo i fiori femminili vengono usati per produrre la birra: hanno un aspetto simile alla punta degli asparagi e sono formati da 5 petali e 5 stami.

Luppolo

Usi del luppolo in gastronomia

Come già accennato, il luppolo viene per lo più consumato per produrre la birra, dove ha la duplice funzione di conferire il tipico sapore amarognolo, definito spesso "luppolato" (si pensi alle Pils) e di prolungare la conservazione della bevanda.

Ma i suoi germogli (i primi 10 cm) possono anche essere usati in cucina per preparare frittate, risotti o zuppe. Il sapore amarognolo del luppolo ricorda un po' quello degli asparagi selvatici e può essere bilanciato da altri ingredienti a tendenza dolce come il burro, le carote, la zucca o gli spinaci.
Meglio utilizzare i germogli più grandi che sono più gustosi, basta lessarli per pochi minuti in acqua bollente.

 

 

Proprietà del luppolo

Negli ultimi decenni il luppolo viene largamente utilizzato anche dalle industrie farmaceutiche e in erboristeria. Al luppolo vengono riconosciute proprietà tonificanti, rinfrescanti, sedative, diuretiche e lassative, viene ritenuto utile per combattere la cellulite, per purificare il sangue e per regolare le funzioni epatiche.
Va assunto con moderazione poiché un eccesso può provocare nausea e senso di vertigine.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Emulsionanti

Gli emulsionanti sono additivi utilizzati principalmente per stabilizzare nel tempo alimenti che contengono grassi, e prodotti da forno come colombe e panettoni.


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.

 


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.