Acqua di cocco

L'acqua di cocco è il succo che si trova dentro la noce di cocco, di colore trasparente e translucido, e non va confusa con il latte di cocco che invece viene prodotto a partire dalla polpa del cocco triturata e mescolata con acqua. Un'altra differenza fondamentale che distingue l'acqua di cocco dal latte è che la prima viene ricavata dai frutti acerbi, ancora verdi, mentre il secondo si ottiene dai frutti molto maturi. La noce di cocco, infatti, è piena d'acqua solo nelle prime fasi di maturazione, poi la perde e il momento migliore per raccoglierla è intorno ai 7 mesi di vita, poiché prima avrebbe un gusto troppo amarognolo.

Inoltre, l'acqua di cocco è molto meno calorica del latte di cocco, dato che è composta per il 97% di acqua e per il resto di proteine e carboidrati; i grassi sono al di sotto dell'1%. La maggior parte dei prodotti in commercio hanno circa 20 kcal/hg, di cui la maggior parte sono carboidrati.

Tradizione delle zone dove cresce la Cocos nucifera, è quella di raccogliere il frutto verde e praticargli un foro nella parte inferiore, più arrotondata, e poi infilare una cannuccia per berne l'acqua. Questo consumo un po' folcloristico è tipico di tutte le isole caraibiche dove esistono tanti venditori ambulanti o chioschetti in riva al mare.

L'aqua di cocco si può trovare anche confezionata, in bottiglia, in latta o in tetrapak. Purtroppo quella confezionata è molto diversa da quella che si può gustare da un cocco fresco, raccolto da poche ore. Molti produttori aggiungono altri ingredienti, per aromatizzarla e per renderla più appetibile.

Dall'acqua di cocco si possono poi ricavare anche la gelatina (nata de coco) e l'aceto di cocco, due prodotti usati nelle cucine etniche ma poco o per niente diffusi da noi in Italia.

 

 

Acqua di cocco e salute

Acqua cocco

Negli ultimi anni si stanno commercializzando molte bevande energetiche a base di acqua di cocco sponsorizzandole con slogan che affermano che è una bevanda nutriente e idratante, capace, inoltre, di riequilibrare i 5 elettroliti essenziali per l'organismo: potassio, sodio, magnesio, calcio e fosforo e sarebbe da assumere prima di una gara sportiva.

In realtà la FDA statunitense (Food and Drugs Administration) ha affermato che non esistono prove a sostegno di questa tesi. Anzi, i livelli di sali minerali dell'acqua di cocco sono effettivamente trascurabili (inferiori, anche di molto, al 10% della RDA), così come il suo potere energizzante (come abbiamo accennato sopra è composta per il 97% di acqua!).

E se in alcune zone del pianeta è stata usata per la reidratazione endovenosa è solo perché in queste zone povere, come la Cambogia, non c'era disponibilità di plasma sanguigno e si è stati costretti ad usare metodi alternativi, ma stiamo parlando di situazioni estreme, non di certo ottimali.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Emulsionanti

Gli emulsionanti sono additivi utilizzati principalmente per stabilizzare nel tempo alimenti che contengono grassi, e prodotti da forno come colombe e panettoni.


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.

 


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.