Anacardi

Calorie e valori nutrizionali degli anacardi

Gli anacardi sono i semi dell'anacardio (Anacardium occidentale) che è un albero da frutta tropicale originario dell'Amazzonia. I Portoghesi lo introdussero in India nel XVI secolo, oggi l'India e l'Africa orientale sono i maggiori produttori di anacardi.

L'anacardio ha una forma di fruttificazione caratteristica, in quanto fornisce due tipi di frutti intimamente uniti: uno fresco, la "mela d'anacardio" (chiamata in Brasile "mela di acagiù"), e uno secco, la "mandorla o nocciola d'anacardio" (chiamata in Brasile "noce di acagiù o mandorla di acagiù"), gli anacardi come noi li conosciamo.

La mela d'anacardio è un falso frutto, una ipertrofia del penduncolo fiorale che raggiunge le dimensioni di una piccola pera, con superficie liscia, sottile e fragile, di colore dal giallo al rosso vivo, con una polpa fibrosa. 
Il vero frutto, gli anacardi come li conosciamo, è costituito dalla "mandorla" o "nocciola d'anacardio", costituito da una noce provvista di un duro pericarpo, contenente un seme oleoso e commestibile, l'anacardo o anacardio.

Produzione e utilizzo degli anacardi

Anacardi

La mela di anacardio, il falso frutto, si consuma solo nei paesi di origine, nel periodo da novembre a gennaio. Ha un sapore acidulo e rinfrescante. In Brasile, dalla sua polpa si estrae un succo che viene bevuto dopo essere stato leggermente fermentato.

La trasformazione degli anacardi è tutt'altro che semplice, il che spiega il prezzo degli anacardi sul mercato europeo. Il seme contiene un olio irritante che deve essere eliminato con il calore prima di essere estratto con molta cura per evitare di contaminarlo: solo il 10% della produzione grezza passa indenne attraverso le varie fasi della trasformazione e confezionamento.

Gli anacardi in guscio vengono quindi tostati e poi sgusciati, operazione fatta per lo più a mano. Il frutto viene poi scottato per facilitare la rimozione della leggera pellicola scura che lo ricopre. Gli anacardi irrancidiscono in fretta e quindi è opportuno conservarli sottovuoto e non lasciarli per lungo tempo esposti all'aria.

 

 

Usi degli anacardi non solo in cucina

Mele di anacardio

La pianta dell'anacardio ha anche altri usi oltre a quello alimentare: dal guscio si estrae un inchiostro indelebile; il succo ha un potente potere antitermiti; dal frutto si ricavano alcool e aceto e, previa pressione a freddo, un olio pregiato; dalla pianta si ottengono una gomma e un liquido lattiginoso che vengono usati come basi per le vernici.
Il succo, di colore nerastro, resinoso e molto caustico, viene utilizzato in medicina.

Gli anacardi non sono molto diffusi in Italia e sono di facile reperibilità. Possono essere consumati al naturale, tostati oppure tostati e salati, oppure possono essere utilizzati nei piatti della cucina orientale, come il classico pollo agli anacardi della cucina cinese e tailandese.

Anche gli anacardi, come gran parte della frutta secca, possono provocare reazioni allergiche e la loro presenza in prodotti alimentari deve essere indicata in etichetta obbligatoriamente per legge. Alcuni marchi di sughi pronti usano gli anacardi anche nel pesto ligure.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.