Ciliegie

Le ciliegie sono il frutto di un albero della famiglia delle Rosacee, la stessa delle rose. Esitono due specie di alberi di ciliegie, il Prunus avium, o ciliegio dolce, e il Prunus cerasus, o ciliegio acido, quello che produce le amarene.

Dal primo derivano, per selezione, alcune centinaia di varietà differenti, che producono ciliegie che possiamo dividere in due grandi categorie: le tenerine e le duracine.

Le ciliegie tenerine sono a polpa tenera, di colore rosso scuro con succo colorato o di colore chiaro con succo incolore.

Le ciliegie duracine o duroni hanno dimensioni maggiori e polpa soda, sono di colore rosso scuro o nero con polpa rossa, oppure di colore rosso chiaro con polpa giallastra o rosacea. I duroni più conosciuti e rinomati in Italia sono i duroni della varietà nero (I e II) di Vignola (MO), che maturano tra fine Giugno e inizio Luglio e si riconoscono per il colore rosso scuro, quasi nero, e il sapore dolcissimo. Le ciliegie di Vignola hanno il marchio IGP (Ciliegia di Vignola IGP).

Altre zone di produzione famose in Italia sono il comprensorio di Marostica in Veneto (con la Ciliegia di Marostica IGP), la zona siciliana attorno all'Etna (con la ciliegia dell'Etna DOP) e la Puglia e la Campania che insieme rappresentano quasi il 60% della produzione nazionale.

Marmellata di ciliegie

Valori nutrizionali delle ciliegie

 

 

Proprietà nutrizionali delle ciliegie

Ciliegie

Le ciliegie contengono una discreta quantità di vitamina C, ne occorrono circa 500 g per soddisfare il fabbisogno giornaliero; e sono anche una discreta fonte di potassio.

Sono un frutto particolarmente dissetante, soprattutto le varietà più aspre, e hanno un indice di sazietà mediamente elevato.

Queste caratteristiche, associate al fatto che non si possono mangiare molto in fretta a causa delle piccole dimensioni e del nocciolo, rende le ciliegie molto utili negli spuntini, quando si ha voglia di sgranocchiare qualcosa ma non si possono assumere troppe calorie.

Varietà di ciliegie

Come abbiamo detto esistono centinaia di varietà di ciliegie.

Ecco le più coltivate in Italia.

Moretta: la classica ciliegia di Vignola, piccola molto scura e dolcissima.

Bigarreau: sono le prime ciliegie a comparire sul mercato già a metà maggio, e rimangono a disposizione fino a inizio giugno.

Nero: queste ciliegie duracine (duroni) sono disponibili tutto il mese di giugno. Rappresentano il fiore all'occhiello della produzione del comprensorio di Vignola (MO): dolcissime, grandi, di colore rosso molto scuro o nero.

Anella: questi duroni sono disponibili da fine maggio a tutto giugno. La buccia ha un colore che va dal rosso vermiglio al rosso scuro, la polpa è croccante e succosa, caratteristica peculiare e particolarmente apprezzata di questa varietà.

Ferrovia: queste ciliegie tenerine sono coltivate soprattutto in Puglia, e sono disponibili nel mese di giugno. Sono particolarmente apprezzate per la succosità della polpa.

Marca: questo durone è di colore giallo-rosso ed è particolarmente apprezzato dall'industria conserviera per produrre ciliegie sciroppate e sotto spirito.

Celeste: un'altra varietà relativamente precoce, matura a inizio giugno, è caratterizzata da un'elevata resistenza sia alla monilia (malattia fungina) che alle piogge e ha grandi dimensioni.

New Moon® sumini: durone di grande pezzatura, maturazione a metà giugno.

Blaze Star: sviluppata dal CMVF-DCA di Bologna). Durone di pezzatura medio-grossa, consistenza media, buon sapore e succulenza medio-alta. Matura a metà giugno.

Giorgia: è un durone con frutti di grosse dimensioni, colore rosso scuro e polpa è rossa, di buona consistenza, succulenta e discreta dolcezza. Si tratta di una varietà precoce, che fruttifica tra fine Maggio e inizio Giugno.

Kordia: appartiene ai duroni ed è una delle varietà più buone sul mercato, con polpa consistente e succosità elevata; la maturazione è medio-tardiva.

Regina: sono ciliegie di grandi dimensioni, riconoscibili per la loro forma cuoriforme appuntita verso il basso, il colore è di un rosso intenso e la polpa consistente, la maturazione è tardiva. 

Sunburst: una ciliegia precoce, matura a inizio giugno, con frutti molto grossi di colore rosso scuro, la pianta è autofertile e molto vigorosa

Samba: originaria del Canada, questa varietà è stata introdotta prima in Francia e ora anche in Italia; si distingue per le grandi dimensioni del frutto, che si posizionano sul ramo riuniti in grappoli (e sembrano proprio grappoli d'uva); la sua produttività è, inoltre, molto elevata.

Limona (o ciliegia bianca): una varietà molto antica che è andata via via scomparendo dalle tavole e dai mercati ma oggi è molto ricercata e la si sta coltivando nelle zone montuose tra Umbria e Marche, è l'unica ciliegia ad avere la buccia e la polpa di colore giallo paglierino, matura a fine giugno-inizi luglio, è adatta alla conservazione sotto spirito o cotta nel vino. 

Sweet Heart: una varietà di ciliegie coperta da copyright e originaria del Canada, ha maturazione tardiva (inizi luglio) e una pezzatura media (circa 7 g il peso di un frutto), ha il vantaggio di mantenere una produttività elevata e costante, ma non è molto resistente alle avversità (cracking, bruciature da sole etc...).

Bigalise: matura dall'1 al 16 giugno, ha frutti enormi, molto croccanti e dal sapore dolcissimo, manca di acidità e freschezza ma è una pianta molto vigorosa.

Malizia: tipica della Campania, ha un colore rosso rubino e matura precocemente già nel mese di maggio.

Bell'Italia: è una varietà di ciliegie molto piccola, con polpa tenera e rossa, tipica del Trentino Alto Adige, matura a giugno. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.