Clementine

La clementina non va confusa con il mandarancio, anche se è un errore che viene fatto comunemente, dato che anche la clementina come il mandarancio è un ibrido tra il mandarino e l'arancio. La clementina (Citrus clementina) appartiene al gruppo dei mandarini, e si caratterizza per essere senza semi.

Ha la buccia di colore arancione, liscia e lucida, dentro la polpa è suddivisa in circa 7-14 spicchi e il sapore è dolce e succoso, tra gli agrumi è uno dei più dolci. 

Si distingue facilmente dal mandarino poiché ha un colore più vivo e acceso e poiché ha una forma rotonda e non appiattita come quella dei mandarini.

In Italia la clementina di Calabria ha ottenuto la denominazione IGP nel 1997 e così la clementina del Golfo di Taranto IGP.

Inoltre, esiste anche una varietà particolare di clementine, la Nova, coltivata in Sicilia nella zona dell'Etna e ottenuta da un incrocio tra mandarino e clementina.

Clementine

Le clementine sono state create molto probabilmente accidentalmente e furono scoperte per la prima volta dal missionario francese Clément Rodier nel suo orto in Algeria. Proprio da Clément hanno preso il nome. Eppure, altre fonti testimoniano che le clementine esistessero già in Cina nei secoli passati.

Dagli anni Quaranta del secolo scorso in poi l'ibrido clementina divenne sempre più stabile e oggi si trova costantemente nei banconi dell'ortofrutta dei mercati e supermercati italiani, tra l'altro le clementine sono tra gli agrumi più venduti in Italia. 

 

 

 

La raccolta delle clementine avviene tra novembre e gennaio.

In cucina la clementina viene consumata come frutto fresco, oppure impiegata per realizzare succhi, sorbetti o marmellate.

Viene impiegata anche in erboristeria per la produzione di creme o lozioni con effetto antiossidante e tonificante, dato che le clementine come tutti gli agrumi sono ricche di vitamina C.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Molluschi cefalopodi

I molluschi cefalopodi, i Supermolluschi, di cui fanno parte 5 specie molto importanti per l'alimentazione umana.


Maionese

La maionese: storia, preparazione, ricetta casalinga.


Acido fitico e fitati in crusca, legumi e cereali: sono pericolosi?

L'acido fitico e i fitati sono sostanze contenute nella crusca, nei semi oleosi, nei legumi e nei cereali, che possono comportare carenze di ferro e zinco. C'è da preoccuparsi?


Molluschi bivalvi

I molluschi bivalvi: caratteristiche, varietà e curiosità di questo affascinante mondo animale.

 


Istamina negli alimenti: cos'è e quali sono i danni dell'intossicazione da ammine biogene

L'istamina è una delle ammine biogene che possono contaminare gli alimenti e dare origine a malattie a comparsa improvvisa: ecco come evitare di ingerirla.


Patate

Le patate: arrivate nel Cinquecento in Europa sono uno degli ingredienti di base della cucina italiana e di tutto il mondo.


Insalata

L'insalata: un mix di alimenti, non solo ortaggi, che vengono conditi con olio, sale e aceto e consumato freddo.


Ginger ale e Ginger beer

Ginger ale e Ginger beer, due soft drinks al gusto di zenzero.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.