Corniole

Il corniolo (cornus mas) è un albero da frutto originario del sud europeo diffuso in tutto il bacino mediterraneo fino all'Asia Minore dove lo troviamo specialmente lungo le coste del Mar Nero. In Italia è diffuso prevalentemente al Nord in zone boschive e montane.

Il corniolo appartiene alla famiglia delle Cornacee, ha un fusto legnoso alto fino ad un massimo di 8 metri, foglie ovali ed ellittiche di colore verde chiaro e fiori gialli riuniti in ombrelle. Una delle particolarità del corniolo è quello di fiorire in inverno, tra dicembre e marzo, e di fruttificare in primavera.

I frutti del corniolo sono chiamati corniole e sono delle bacche ellittiche molto simili alle olive, di circa 2 cm di lunghezza e di colore rosso che si fa via via più scuro a seconda del grado di maturazione. Le corniole sono commestibili.

Uso erboristico ed alimentare del corniolo

Corniole

Possiamo dire che del corniolo non si butta via nulla, come del maiale. Le sue radici sono impiegate in erboristeria per preparare decotti e tisane per abbassare la febbre.

Il legno del fusto e dei rami è usato per produrre pipe e oggetti di tornitura perchè è molto resistente.

Le foglie, i fiori ed i germogli sono impiegati nell'industria tintoria per ottenere il giallo.

La polpa delle corniole è utile nella cura di disturbi del metabolismo, enterite, dolori articolari e malattie della pelle.

Inoltre la corniola viene mangiata fresca, conservata sotto spirito o in salamoia, oppure impiegata nella produzione di liquori, grappe, marmellate, dolci e succhi di frutta. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Mercurio negli alimenti: dove si trova e come difendersi

Il mercurio negli alimenti è uno dei rischi per la sicurezza alimentare ad oggi più diffusi. Ecco in quali cibi si trova e come possiamo limitarne l'assunzione.


Coadiuvanti tecnologici

I coadiuvanti tecnologici sono sostanze utilizzate nella trasformazione di materie prime, prodotti alimentari o loro ingredienti, ma che non vengono riportate in etichetta.


Emulsionanti

Gli emulsionanti sono additivi utilizzati principalmente per stabilizzare nel tempo alimenti che contengono grassi, e prodotti da forno come colombe e panettoni.


Additivi miglioratori della farina

Gli additivi o miglioratori della farina sono sostanze in grado di accelerare la maturazione della farina al fine di renderla maggiormente adatta alla panificazione.

 


Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute.


Addensanti (additivi alimentari)

Gli addensanti sono additivi alimentari utilizzati per assicurare agli alimenti determinate caratteristiche fisiche, come aspetto, consistenza, stabilità nel tempo.


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.