Feijoa

Il feijoa sellowiana, o acca sellowiana, è un albero da frutto originario dell'America Latina, in particolare del Brasile e di alcune zone della Colombia e dell'Argentina che attualmente viene coltivato anche in Africa e in Italia, soprattutto in Ligura, in Toscana, in Sicilia e in Campania.

La coltivazione del feijoa richiede un tipo di terreno e condizioni climatiche simili a quelle dell'olivo e degli agrumi.

Il feijoa ha un fusto alto fino a 7 metri, corteccia liscia di colore grigio, foglie lucide e spesse della consistenza del cuoio di colore verde chiaro e fiori grandi di colore bianco da cui partono lunghi stami rossi.

Feijoa

Il frutto del feijoa ha una forma ovale allungata, dimensioni dai 4 agli 8 cm e colore verde con riflessi gialli o aranciati. La sua polpa è bianca piena di semi ed il suo gusto è dolciastro, ricorda un po' quello dell'ananas.
Il feijoa matura nel pieno dell'autunno, tra ottobre e novembre.

l frutto del feijoa si conserva in frigorifero per pochi giorni e si consuma fresco, tagliando la buccia spessa con un coltello. Parte della produzione di feijoa è destinata all'industria alimentare per la produzione di gelati, succhi di frutta, yogurt e marmellate.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.