Latte di mandorle

Il latte di mandorle o latte di mandorla è una bevanda analcolica dolce e rinfrescante a base di mandorle finemente tritate e spremute. Si chiama latte solo perchè il suo aspetto, liquido e biancastro, ricorda quello del latte di origine animale, ma il latte di mandorle è un prodotto del tutto vegetale molto apprezzato dalla cucina vegetariana e vegana.

Il procedimento per preparare il latte di mandorle è molto semplice (molti amanti del "fai da te" infatti lo preparano tranquillamente in casa e poi lo conservano in frigorifero): si basa principalmente sull'infusione a freddo in acqua e la spremitura delle mandorle tritate, sia dolci che amare.

Usi del latte di mandorle

Il latte di mandorle viene bevuto da solo, la mattina per colazione, oppure come bevanda dissetante in estate magari con qualche cubetto di ghiaccio, oppure viene usato nei bar e nelle gelaterie per creare caffè shakerati, sorbetti, granite o anche alcuni cocktails o soft drinks.

Nelle regioni del Sud Italia, come la Sicilia, la Campania, la Basilicata e la Calabria, il latte di mandorle viene usato anche nelle ricette di dolci tipici.

Anche nei Paesi asiatici e mediorientali il latte di mandorle viene largamente usato, sia in preparazioni dolci, che salate o agrodolci, come per esempio per diluire la polvere di curry, o per insaporire piatti a base di carne o pesce.

Storia e origini del latte di mandorle

 

 

Latte mandorle

Anche se è tornato di moda recentemente, il latte di mandorla ha origini antichissime, veniva consumato fin dal Medioevo dai monaci cristiani e musulmani soprattutto nei periodi di Quaresima. Veniva chiamato in latino "amygdalate".

L'uso del latte di mandorle era molto esteso in tutti i paesi del Mediterraneo, quali Spagna, Sud Italia, Nord Africa e Grecia, ma anche in quelli mediorientali e perfino in Asia.

Non c'è da stupirsi se si pensa che solitamente in passato il latte vaccino veniva usato principalmente per produrre burro e formaggi, poichè era un tipo di latte che all'epoca non si conservava a lungo senza essere lavorato e senza la conoscenza delle moderne strategie di conservazione.

Caratteristiche e valori nutrizionali del latte di mandorle

Il latte di mandorle è una bevanda dolce e corroborante, è un buon alimento per la salute, ricco di sali minerali, non contiene colesterolo; è sempre bene, però, non esagerare, perchè è anche molto calorico.

Consiglio quindi di berlo diluito con dell'acqua, magari frizzante, oppure di usarlo per cucinare, per insaporire un piatto (anche un solo cucchiaio è sufficiente), soprattutto se si hanno problemi di sovrappeso consiglio di non tenerlo in frigorifero e usarlo abitualmente come bevanda!

Attualmente in commercio si trovano tantissimi tipi di latte di mandorla, al gusto di vaniglia o di cioccolato, arricchiti di vitamine, più o meno dolci etc... generalmente sono tutti prodotti commerciali, da guardare con sospetto perchè spesso contengono additivi, soprattutto conservanti.

Meglio rivolgersi a rivenditori specializzati bio o comunque leggere bene in etichetta che quel latte di mandorla non contenga additivi, ma sia solo il risultato della spremitura in acqua delle mandorle, addizionata di zuccheri.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.