Mangostano

Il mangostano è un frutto tropicale della famiglia delle Garcinie che viene dal Sud Est asiatico, il suo luogo di origine sono le isole della Sonda e delle Molucche dell'Indonesia, ma viene coltivato anche in India e nelle isole caribiche ed è stato introdotto anche in Florida con successo. Nonostante il nome non ha nulla a che vedere con il mango.

La pianta del mangostano è un albero sempreverde, dai 6 ai 25 metri di altezza, che può resistere anche alla siccità. I fiori sono molto particolari, si riuniscono in gruppi da 3 a 9 e i loro petali sono di colore giallo-rosso, bordati di verde.

Il frutto è un pomo rotondeggiante dal colore violaceo che all'interno contiene una polpa bianca suddivisa in spicchi, 7-8, un po' come quelli degli agrumi. La parte commestibile è solo la polpa, molto carnosa, la buccia non è edibile.
All'interno degli spicchi c'è il succo del mangostano che ha un sapore agrodolce con una nota piccante, comunque al palato risulta delicato.

Il mangostano in cucina

Mangostano

In Italia il mangostano non è di facile reperibilità, anche a causa delle restrizioni sulle sue esportazioni e a varie pubblicità ingannevoli che sono state criticate. Nel 2009 infatti il succo di mangostano veniva venduto da un'azienda come se fosse la panacea per tutti i mali, contro il cancro, contro l'Alzheimer, contro il diabete o il Parkinson.

Una volta raccolto il frutto può mantenersi per circa 20-25 giorni. Si può trovare nei negozi asiatici sia fresco che liofilizzato o essiccato. In erboristeria si trovano anche capsule di mangostano indicate come integratori per chi segue diete vegetariane o vegane.

 

 

In cucina il mangostano può trovare vari impieghi soprattutto in ricette dolci e in pasticceria, in particolare può essere ridotto a crema o a marmellata.

Nelle cucine orientali invece il mangostano viene consumato anche in piatti salati, per esempio la cucina thai lo preparara fresco in insalata con peperoncino e menta, invece la cucina cinese lo fa bollito oppure arrostito. Previa tostatura se ne possono consumare anche i semi.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.