Melagrane, melagrana, melograno

Calorie e valori nutrizionali delle melagrane

Le melagrane o mele granate sono i frutti dell'albero del melograno (Punica granatum), una pianta originaria del Medio Oriente molto diffuso in tutti i paesi del Mediterraneo.

Il melograno e la melagrana sono da sempre simbolo di bellezza e fertilità. Citato anche nella Bibbia, era apprezzato da Greci, Fenici e Romani. La melagrana era il frutto caro alla dea Persefone (Proserpina per i Romani) che spesso viene raffigurata con in mano proprio questo frutto. Secondo la leggenda quando Persefone fu rapita da Ade, dio degli inferi, divenne triste ed inappetente e l'unica cosa che mangiò furono 6 chicchi di melagranata, il suo frutto preferito, così da rimanere solo 6 mesi all'anno nel regno degli inferi (autunno e inverno) e i restanti 6 mesi (primavera e estate) sulla Terra.

L'albero ha stupendi fiori a campanella, di colore rosso-aranciato e fogliame verde lucente.

Il frutto ha una buccia spessa, di colore rossastro, e contiene grani polposi (i semi), rossi e traslucidi, dal sapore acidulo e dall'aroma intenso.

Melagrana, melagrane

Qualità nutrizionali delle melagrane

Le melagrane sono disponibili solo da Settembre a Novembre. Se a questo aggiungiamo la difficoltà che si incontra a separare i semi dalla scorza interna, e il sapore piuttosto acido che non consente (se non ai più golosi) di assumerne una quantità rilevante, ne risulta uno scarso valore nutritivo globale di questo frutto.

Se non fosse per la difficoltà di mangiarle, le melagrane sarebbero un frutto piuttosto ricco di calorie e di carboidrati: ben 63 con quasi il 16% di zuccheri.

Considerate però che una melagrana di 200 g fornisce solamente 70 kcal, poiché la parte edibile è solo il 59%.

 

 

Le melagrane vanno colte mature, poiché una volta staccate dall'albero non maturano più: vengono mangiate crude ma anche utilizzate in preparazioni culinarie, in genere a base di carne.

Negli ultimi anni si trovano sempre più spesso in vendita i succhi di melagranata, e durante la stagione autunnale si incontrano durante le sagre di paese banchetti che spremono le melegrane per ricavarne il succo da vendere ai passanti con il tipico attrezzo, lo spremitore di melograno.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.