Nespola - nespole

Il Nespolo (Mespilus germanica) e' una pianta arborea o arbustiva appartenente alla famiglia delle rosacee.

Spinosa allo stato selvatico, puo' raggiungere gli otto metri di altezza con rami contorti e foglie lanceolate, fiori bianchi e frutti commestibili (le nespole). Viene coltivata in tutti i paesi a clima continentale, essendo una pianta decorativa, è facile vederla nei giardini.

I frutti vengono colti nel tardo autunno, ma prima di essere consumati devono rimanere per lungo tempo a maturare in ambiente adatto (per esempio nella paglia), di solito fino a gennaio-febbraio.

La nespola era già conosciuta in epoca romana ed ebbe la massima diffusione nel Medio Evo, quando veniva utilizzata come rimedio per molteplici disturbi, grazie ai suoi componenti: tannino, sostanze peptiche, vari acidi organici (malico, acetico, citrico, formico e tartarico), zuccheri e vitamina C.

Con l’imporsi di attività agricole più redditizie si cominciò a trascurare le piante che non avevano un preciso interesse economico cosiì il nespolo si trovò sempre meno nei frutteti, mentre continuò ad avere il suo posto nell’hortus conclusus dei conventi, dove veniva impiegato per produrre gli elisir e i tonificanti che caratterizzavano la produzione delle erboristerie dei monasteri e delle abbazie.

Nespola - Nespole

La nespola comune ha una polpa bianco-rosata, compatta al momento della raccolta, che diventa morbida e di colore giallo-arancio intenso dopo varie settimane, con la maturazione. Tanto piu' il frutto e' acerbo tanto maggiore e' la quantita' di tannini, molecole ad azione antiossidante, che danno la sensazione di asciutto in bocca e provocano un effetto astringente sull’intestino. Al contrario, nel frutto maturo i tannini si trasformano in zuccheri e il frutto diventa un blando lassativo.

La nespola contiene anche discrete quantita' di acido formico e acetico, che determinano il gusto acidulo, oltre a fibra alimentare solubile.

 

 

Calorie e valori nutrizionali delle nespole

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Dolcificanti

I dolcificanti sono additivi o alimenti usati come sostituti dello zucchero e possono essere sintetici come l'aspartame o naturali come la stevia.


Sciroppo di fruttosio

Lo sciroppo di fruttosio, anche chiamato sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS), è accusato di causare obesità e altri problemi di salute.


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Selenio

Il selenio è un elemento importante per contrastare il danno ossidativo prodotto dagli idroperossidi: scopriamo quando c'è rischio di carenza o eccesso, vantaggi o svantaggi.

 


Sardina o sarda

Sardina o sarda: il pesce azzurro ricco di omega 3. Come sceglierla, la stagione migliore, la preparazione e le ricette.


Chutney - salsa indiana

Il chutney o chatni è una salsa piccante a base di frutta e spezie tipica della cucina indiana.


Wafer paper o Rice paper

Wafer paper (o rice paper): l'ultima frontiera del cake design fatta con fogli di ostia.


Pasta di semola di grano duro

Pasta - Produzione e caratteristiche della pasta di semola di grano duro