Passiflora o passion fruit

Calorie e valori nutrizionali dei passflora

La passiflora è un arbusto rampicante e lianoso, della famiglia delle Passifloraceae, originario dell'America tropicale.

Il nome deriva dal latino passio (passione) e flos (fiore), e viene detto anche frutto della passione.

Pare che gli fu attribuito dai missionari Gesuiti nel 1610, per la somiglianza di alcune parti della pianta con i simboli religiosi della passione di Cristo: i viticci la frusta con cui venne flagellato, i tre stili i chiodi, gli stami il martello e la raggiera corollina la corona di spine.

Tra le tante specie di Passiflora, quella migliore ai fini produttivi e' la Passiflora edulis Simson, coltivata prevalentemente in Brasile, Sud Africa e Australia. Questa pianta, grazie alla fruttificazione scalare (i fiori crescono mentre i rami si allungano) consente diverse raccolte all'anno.

In Sicilia la Passiflora viene coltivata con successo, proteggendola in inverno perché non tollera temperature inferiori a zero gradi. La raccolta dei frutti avviene, in Sicilia, a Settembre e a Febbraio-Marzo.

Passiflora

I frutti della Passiflora sono delle bacche, di colore variabile dal viola al giallo, e contengono tanti semi immersi in una massa gelatinosa gialla. Si consumano freschi, oppure vengono trasformati per produrre succhi tropicali. La Passiflora viene anche chiama Maracuja, nella sua varietà Passiflora edulis flavicarpa, con frutto giallo, più grande di quello scuro.

La Passiflora è un frutto ricchissimo di fibre e povero di calorie, grazie al suo aroma così intenso di frutta tropicale, è particolarmente indicato nelle diete ipocaloriche.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.