Pitahaya

La pitahaya è un frutto esotico che spunta dalla pianta omonima nelle zone aride del Messico, del Guatemala e del Costa Rica. Recentemente è stata introdotta anche in alcune zone dell'Asia del Sud dove viene chiamata dragon heart, cuore di drago. Nei paesi di lingua anglosassone la pitahaya è conosciuta come dragon fruit.

La pitahaya come pianta (hylocereus undatus) è un cactus che nasce o nel suolo o come parassita dal tronco di altri alberi, attualmente è una specie ad alto rischio d'estinzione perchè le sue foglie carnose vengono strappate barbaramente e impiegate come mangime per i maiali durante i periodi di siccità.

Pitahaya

Il frutto della pitahaya ha una forma molto simile a quella di un carciofo e può essere di colore rosso o giallo.

La polpa è bianca o rossa e piena di semini neri commestibili dal sapore dolce e aromatico.

La pitahaya può essere mangiata cruda con un cucchiaio, oppure usata per realizzare bevande o in pasticceria. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.