Platano

Il platano è il frutto tropicale della pianta omonima, il Platano, il cui nome scientifico è Musa paradisiaca o Musa sapientum, della stessa famiglia della banana. Il platano è originario della zona compresa tra India, Indonesia e Australia e si è diffuso nei secoli in tutta la fascia tropicale, quindi anche nel Sud America e nell'Africa equatoriale. Attualmente l'Uganda è il maggior produttore di platano.

La pianta del platano fruttifica tutto l'anno e viene consumato a tutti gli stadi di maturazione in preparazioni diverse.

  • Platano verde: quando la buccia è verde, il platano è stato raccolto acerbo ed è molto ricco di amidi, la sua consistenza assomiglia a quella della patata e si presta bene ad essere cucinato bollito o fritto.
  • Platano giallo: quando la buccia è di colore giallo il platano ha raggiunto un buon grado di maturazione e gli zuccheri al suo interno sono aumentati, viene di solito utilizzato per arricchire piatti di carne, zuppe, verdure stufate e anche per fare delle polpette.
  • Platano nero: quando la buccia è nera il platano è al suo massimo grado di maturazione, ha una polpa zuccherina e dolcissima; in questo stadio il suo sapore è più simile a quello della banana e viene utilizzato per ricette dolci o per essere mangiato crudo come frutto.

Le differenze tra platano e banana

Il platano assomiglia moltissimo alla banana, hanno la stessa forma ricurva e allungata, e spesso i due frutti vengono confusi anche se in realtà differiscono per alcuni fattori, prima di tutto per il fatto che il platano non è indicato da essere mangiato crudo, per via dell'alta concentrazione di amidi che lo rendono poco digeribile.

 

 

 

Che sia bollito, stufato, fritto, grigliato, il platano va sempre consumato previa cottura, operazione che gelatinizza gli amidi rendendoli più appetibili e digeribili, almeno finchè non ha raggiunto il suo massimo grado di maturazione (buccia nera).

Inoltre, il platano ha una buccia spessa e coriacea, non si spella facilmente come la banana, ma necessita dell'ausilio di un coltello, e va tagliato in senso longitudinale per tutta la lunghezza da cima a cima.

Usi del platano nelle cucine tropicali

Platano

Il platano non viene molto importato in Italia dove è la banana ad avere un ruolo da protagonista, ma lo si può trovare in commercio nei negozi di alimenti etnici, tipo i market africani e in alcuni grandi ipermercati.

Ha un gusto difficile per noi italiani, dolciastro e persistente, che difficilmente abbineremmo a piatti salati, ma c'è anche da dire che in cucina è molto versatile.

Le ricette più conosciute con il platano sono le frittelle (chiamate patacones in Colombia) dove fette di platano vengono gettate a friggere in olio bollente e poi mangiate accompagnate da yogurt e riso bianco (anche a colazione). Se le fette vengono tagliate sottilissime si ottengono le chips di platano.

 

 

Ma il platano può venire anche grigliato, tagliato a rondelle, spalmato di burro e speziato leggermente.

Si può usare a fette anche da aggiungere ai contorni di verdure stufate o alla carne in umido (per esempio per sostituire le patate nello spezzatino).

In versione dolce viene caramellato con zucchero, cannella e rum, oppure cotto in forno con latte e miele. In Messico viene usato per fare un budino di platano e ananas.

Altri usi del platano

Con la polpa fresca del platano si produce la birra, con quella essiccata, invece, si ottiene una farina poi utilizzata per realizzare pane e focacce.

Le foglie hanno diversi impieghi: vengono utilizzate come piatti o per avvolgere le pietanze (si pensi ai tamales), oppure nel campo tessile vi si ricava una fibra molto resistente utilizzata per fare borse e anche cartine per sigarette.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Crostacei

I crostacei: dall'astice ai percebes, tutto quello che c'è da sapere sui crostacei.


Molluschi cefalopodi

I molluschi cefalopodi, i Supermolluschi, di cui fanno parte 5 specie molto importanti per l'alimentazione umana.


Maionese

La maionese: storia, preparazione, ricetta casalinga.


Acido fitico e fitati in crusca, legumi e cereali: sono pericolosi?

L'acido fitico e i fitati sono sostanze contenute nella crusca, nei semi oleosi, nei legumi e nei cereali, che possono comportare carenze di ferro e zinco. C'è da preoccuparsi?

 


Molluschi bivalvi

I molluschi bivalvi: caratteristiche, varietà e curiosità di questo affascinante mondo animale.


Istamina negli alimenti: cos'è e quali sono i danni dell'intossicazione da ammine biogene

L'istamina è una delle ammine biogene che possono contaminare gli alimenti e dare origine a malattie a comparsa improvvisa: ecco come evitare di ingerirla.


Patate

Le patate: arrivate nel Cinquecento in Europa sono uno degli ingredienti di base della cucina italiana e di tutto il mondo.


Insalata

L'insalata: un mix di alimenti, non solo ortaggi, che vengono conditi con olio, sale e aceto e consumato freddo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.