Feta

Il Feta è il formaggio più noto in Grecia, da dove ha origine.

Deve il suo nome alla conservazione, che viene fatta in grossi pani ("fetta" in greco si pronuncia "feta"), in appositi contenitori in salamoia.

Attualmente è prodotto in molti paesi dell'Europa orientale, in Italia (Sardegna) e in Danimarca. Quest'ultimo paese ha sviluppato una produzione industriale con latte concentrato per ultrafiltrazione che gli hanno permesso di guadagnare oltre il 50% del mercato mondiale.

Il Feta è un formaggio consumato in tutto il mondo, ma soprattutto in America e nei paesi meridionali.

Il Feta tradizionale veniva e viene ancora preparata in Grecia da latte di pecora, o misto pecora (80%) e capra (20%).

La Feta prodotta industrialmente viene oggi prodotta con latte di vacca, o al massimo misto, di pecora e vacca.

Nel 1996 il Feta ha ottenuto la DOP, che poi gli è stata tolta poiché la denominazione Feta era ormai divenuta tipica di quel prodotto. Quando il nome di un prodotto diviene talmente famoso che identifica il prodotto stesso, infatti, non è possibile vincolarlo con la certificazioni di qualità.

Feta

Il Feta è un formaggio da tavola senza crosta di colore bianco, si presenta in forme rettangolari di 0,5-1 kg.

Deve le sue caratteristiche alla forte acidità della pasta e alla maturazione, che avviene costantemente in salamoia. Queste caratteristiche, insieme ai cagli in pasta utilizzati per la produzione e ai fermenti lattici aggiunti al latte, conferiscono un sapore piccante e salato.

Tradizionalmente il Feta era salato a secco per sfregamento delle facce, operazione che durava qualche giorno. Veniva poi fatto maturare in barili pieni di salamoia al 4-6%, da qualche giorno fino a 2 mesi.

 

 

Oggi la salatura a secco è sostituita con quella in salamoia, molto più pratica ed economica, soprattutto nelle produzioni industriali.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.