Lenticchie

Le lenticchie (lens culinaris) sono i semi di una pianta erbacea annuale della famiglia delle Fabaceae, originaria dell'Asia sud occidentale.

Il colore delle lenticchie può variare dal giallo-verdastro fino al nero, passando per il rosso e il marrone. Dopo la raccolta, le lenticchie vengono essiccate e messe in commercio, oppure destinate all'industria alimentare che le cuoce e mette in scatola.

La pianta è composta da uno stelo ramificato e rampicante che può raggiungere i 50 cm di altezza, e possiede dei baccelli rettangolari e schiacciati, ognuno dei quali contiene 2-3 semi dalla forma tondeggiante e appiattita: le lenticchie vere e proprie.

Sembra che le lenticchie siano stati i primi legumi ad essere stati coltivati, fin dal 7000 a.C. Fu il cibo di base della popolazioni povere dei greci e dei romani, tanto che si pensa che la famiglia romana dei Lentuli derivi proprio dalle lenticchie. Questo legume diede il nome anche alle lenti di vetro, nel corso del XVII secolo, grazie alla loro forma.

In Italia la coltivazione delle lenticchie è diffusa soprattutto negli altipiani dell'Italia centrale, dove le condizioni di clima e di terreno conferiscono una particolare qualità a questi legumi.

Non a caso le lenticchie più famose sono quelle di Castelluccio di Norcia, coltivate nell'omonima piana situata a 1300 metri di altitudine, ma anche negli altipiani di Colfiorito in Umbria o di Leonessa nel Lazio.

Caratteristiche delle lenticchie

Lenticchie

Le lenticchie si differenziano per la grandezza del seme, per il colore e per il fatto di essere o meno decorticate. Quelle a seme piccolo in genere sono più saporite, quelle decorticate, molto diffuse in oriente, si sfaldano in cottura producendo una sorta di purè.

Le lenticchie decorticate si riconoscono dal colore, giallo o rosso (lenticchie egiziane).

Calorie e valori nutrizionali delle lenticchie secche

Calorie e valori nutrizionali delle lenticchie cotte o in scatola

Ricette Sì a base di lenticchie

 

 

Ricette con le lenticchie

Le lenticchie secche, a differenza della maggior parte degli altri legumi, non hanno bisogno di ammollo perché cuociono facilmente in circa 20 minuti.

Si preparano in umido, soprattutto con fondi di cottura a base di pancetta, o speziate con preparazioni alla orientale, oppure in insalata, in questo caso sono indicate le lenticchie di grandi dimensioni come quelle di Altamura.

Tradizione vuole che si consumino le lenticchie abbinate al cotechino a capodanno: personalmente ritengo questo modo di consumare le lenticchie valido, ma non di certo dopo un cenone di capodanno, quando il piatto (non di certo leggero) non può essere gustato con piacere! Meglio gustarlo in altra situazione come piatto unico.

Lenticchie di qualità

In Italia e in Europa esistono molte lenticchie di qualità, che hanno ottenuto una certificazione IGP, DOP, prodotto agroalimentare tradizionale (PAT) o sono presidio slow food.

Ricordiamo le lenticchie di Castelluccio di Norcia, di Colfiorito (PAT), di Santo Stefano di Sessanio (PAT e presidio slow food), di Ustica (PAT e presidio slow food), di Onano (PAT e presidio slow food), di Altamura (PAT), di Villalba (PAT), di Ventotene (PAT), di Rascino (PAT), di Valle Agricola (PAT).

In Francia è molto famosa la lenticchia verde di Puy (DOP).

Valori nutrizionali delle lenticchie

Le lenticchie hanno i valori nutritivi simili agli altri legumi, dunque si tratta di cibi sazianti, ricchi di fibre, molto importanti in un'alimentazione sana.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.

 


Le differenze tra l'astice e l'aragosta

Le differenze tra l'astice e l'aragosta: può sembrare banale ma sono le chele dell'astice a fare la differenza!


Aragosta - Cucinare l'aragosta

L'Aragosta, il più nobile dei crostacei è anche il più costoso.


Astice

L'Astice, il secondo crostaceo più pregiato dopo l'aragosta, si trova in tutto il Mediterraneo, nell'Oceano Atlantico e nel Mar Adriatico.


Indice di sazietà degli alimenti

Il potere saziante dei cibi è una variabile fondamentale per controllare lo stimolo della fame.