Olio di lino

L'olio di lino è un olio vegetale ottenuto dai semi essiccati della pianta del lino (Linum usitatissimum), il processo di lavorazione è solitamente una spremitura, anche se l'olio di semi di lino può essere ricavato anche con solventi ad alte temperature (tramite raffinazione).

L'olio di lino è un olio commestibile e può essere usato a crudo o come integratore come fonte di acido linolenico (un omega 3), in particolare si abbina bene, dato il suo sapore deciso, ad ingredienti delicati come i formaggi freschi.

Ma quello alimentare non è l'unico impiego dell'olio di lino, anzi, basti pensare che il primo utilizzo che si fece dell'olio di lino fu per creare gli oli da pittura, inoltre viene usato anche per produrre gli stucchi e i materiali in linoleum (a cui dà il nome).

L'olio di lino viene anche usato in cosmesi, in particolare per ottenere shampoo e balsamo con effetto lisciante.

Gli si riconoscono anche effetti regolatori sulle funzionalità intestinali.

Olio lino

Gli acidi grassi dell'olio di lino

L'olio di lino è ricchissimo di acido linolenico, e questo lo rende l'olio vegetale in assoluto più ricco di omega 3.

L'acido linolenico è il precursore degli altri due omega 3 contenuti nel pesce, l'EPA e il DHA.

Il problema di questo olio è la sua delicatezza (causata proprio dall'acido linolenico), che rende critica la sua estrazione (che va effettuata con metodi particolari, come il Baglioni) e la sua conservabilità (andrebbe conservato in frigorifero lungo tutta la filiera, quindi anche il commerciante dovrebbe tenerlo in frigorifero).

Acidi grassi Quantità (g)
Grassi saturi totali 9.00
C4:0\÷C10:0  
C12:0 (laurico)  
C14:0 (miristico)  
C16:0 (palmitico) 5.00
C18:0 (stearico) 4.00
C20:0 (arachidico)  
C22:0 (beenico)  
Grassi monoinsaturi totali 19.00
C14:1 (miristoleico)  
C16:1 (palmitoleico)  
C18:1 (oleico)  
C20:1 (eicosaenoico)  
C22:1 (erucico)  
Grassi polinsaturi totali 72.00
C18:2 W6 (linoleico) 14.00
C18:3 W3 (linolenico) 58.00
C20:4 W6 (arachidonico)  
C20:5 W3
(eicosapentaenoico - EPA)
 
C22:6 W3
(docosaesaenoico - DHA)
 
Rapporto Polinsaturi/Saturi  

L'olio di lino in cucina

 

 

 

L'olio di lino, quando ben estratto e conservato, ha un aroma molto tipico e particolare, mentre quando viene maltrattato assume facilmente odori sgradevoli, da quello di pesce fino al rancido.

Si tratta di un olio molto adatto per il consumo a crudo sulle verdure e sui formaggi freschi.

Purtroppo non è semplice trovarlo in condizioni ottimali (estratto con metodi efficaci e conservato in frigorifero).

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Molluschi cefalopodi

I molluschi cefalopodi, i Supermolluschi, di cui fanno parte 5 specie molto importanti per l'alimentazione umana.


Maionese

La maionese: storia, preparazione, ricetta casalinga.


Acido fitico e fitati in crusca, legumi e cereali: sono pericolosi?

L'acido fitico e i fitati sono sostanze contenute nella crusca, nei semi oleosi, nei legumi e nei cereali, che possono comportare carenze di ferro e zinco. C'è da preoccuparsi?


Molluschi bivalvi

I molluschi bivalvi: caratteristiche, varietà e curiosità di questo affascinante mondo animale.

 


Istamina negli alimenti: cos'è e quali sono i danni dell'intossicazione da ammine biogene

L'istamina è una delle ammine biogene che possono contaminare gli alimenti e dare origine a malattie a comparsa improvvisa: ecco come evitare di ingerirla.


Patate

Le patate: arrivate nel Cinquecento in Europa sono uno degli ingredienti di base della cucina italiana e di tutto il mondo.


Insalata

L'insalata: un mix di alimenti, non solo ortaggi, che vengono conditi con olio, sale e aceto e consumato freddo.


Ginger ale e Ginger beer

Ginger ale e Ginger beer, due soft drinks al gusto di zenzero.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.