Olio di lino

L'olio di lino è un olio vegetale ottenuto dai semi essiccati della pianta del lino (Linum usitatissimum), il processo di lavorazione è solitamente una spremitura, anche se l'olio di semi di lino può essere ricavato anche con solventi ad alte temperature (tramite raffinazione).

L'olio di lino è un olio commestibile e può essere usato a crudo o come integratore come fonte di acido linolenico (un omega 3), in particolare si abbina bene, dato il suo sapore deciso, ad ingredienti delicati come i formaggi freschi.

Ma quello alimentare non è l'unico impiego dell'olio di lino, anzi, basti pensare che il primo utilizzo che si fece dell'olio di lino fu per creare gli oli da pittura, inoltre viene usato anche per produrre gli stucchi e i materiali in linoleum (a cui dà il nome).

L'olio di lino viene anche usato in cosmesi, in particolare per ottenere shampoo e balsamo con effetto lisciante.

Gli si riconoscono anche effetti regolatori sulle funzionalità intestinali.

Olio lino

Gli acidi grassi dell'olio di lino

L'olio di lino è ricchissimo di acido linolenico, e questo lo rende l'olio vegetale in assoluto più ricco di omega 3.

L'acido linolenico è il precursore degli altri due omega 3 contenuti nel pesce, l'EPA e il DHA.

Il problema di questo olio è la sua delicatezza (causata proprio dall'acido linolenico), che rende critica la sua estrazione (che va effettuata con metodi particolari, come il Baglioni) e la sua conservabilità (andrebbe conservato in frigorifero lungo tutta la filiera, quindi anche il commerciante dovrebbe tenerlo in frigorifero).

Acidi grassi Quantità (g)
Grassi saturi totali 9.00
C4:0\÷C10:0  
C12:0 (laurico)  
C14:0 (miristico)  
C16:0 (palmitico) 5.00
C18:0 (stearico) 4.00
C20:0 (arachidico)  
C22:0 (beenico)  
Grassi monoinsaturi totali 19.00
C14:1 (miristoleico)  
C16:1 (palmitoleico)  
C18:1 (oleico)  
C20:1 (eicosaenoico)  
C22:1 (erucico)  
Grassi polinsaturi totali 72.00
C18:2 W6 (linoleico) 14.00
C18:3 W3 (linolenico) 58.00
C20:4 W6 (arachidonico)  
C20:5 W3
(eicosapentaenoico - EPA)
 
C22:6 W3
(docosaesaenoico - DHA)
 
Rapporto Polinsaturi/Saturi  

L'olio di lino in cucina

 

 

 

L'olio di lino, quando ben estratto e conservato, ha un aroma molto tipico e particolare, mentre quando viene maltrattato assume facilmente odori sgradevoli, da quello di pesce fino al rancido.

Si tratta di un olio molto adatto per il consumo a crudo sulle verdure e sui formaggi freschi.

Purtroppo non è semplice trovarlo in condizioni ottimali (estratto con metodi efficaci e conservato in frigorifero).

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Teff (cereale)

Il teff: un cereale africano molto piccolo, senza glutine e ricco in lisina.


Fonio (cereale)

Il fonio: un piccolo pseudocereale senza glutine, coltivato in Africa e arrivato anche in Italia come "moda del momento".


Trigliceridi

Trigliceridi: i grassi più diffusi nei cibi e nell'organismo. Se in eccesso nel sangue, possono causare problemi al cuore.


Colesterolo

Il colesterolo: è davvero così pericoloso come ci vogliono far credere? Tutto quello che c'è da sapere per non preoccuparsi troppo.

 


Papaya e Papaya fermentata

Papaya e Papaya fermentata: descrizione, proprietà, calorie, reperibilità.


Noci

Le Noci coltivate un po' in tutto il mondo sono molto ricche di lipidi.


Nocciole - nocciola

Le Nocciole, una varietà di frutta secca molto ricca di proteine e grassi buoni.


Mirtilli neri, blu e rossi

I mirtilli: neri, rossi o blu sono frutti di bosco tipici delle zone montane.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.