Olio di mais

L'olio di mais è l'olio vegetale estratto dal germe del seme di mais e, tra gli oli vegetali, è uno dei meno costosi, per questo molto spesso utilizzato dall'industria alimentare per produrre margarine e prodotti fritti come le patatine o prodotti da forno.

La lavorazione dell'olio di mais avviene solitamente per estrazione tramite solventi (esano o isoesano), a cui segue un processo di raffinazione (sbiancamento e deodorizzazione) dopo il quale l'olio di mais si presenta come un olio dal colore giallo pallido e dall'odore neutro, delicato.

L'olio di mais non raffinato ha un colore rosso scuro, ma in commercio è introvabile, almeno in Italia, anche all'estero non è un olio particolarmente diffuso e facile da trovare.

La resa produttiva è scarsa, di circa 5-15%, ma la parte restante della lavorazione dell'olio viene destinata alla produzione di amido di mais (o maizena) e quindi riciclata.

L'olio di mais è parecchio utilizzato anche in altri ambiti: per esempio come biodiesel, per produrre vernici e inchiostri, risulta tra gli ingredienti di prodotti antiruggine e anche di insetticidi.

Inoltre, l'olio di mais è diffuso anche nei prodotti cosmetici: come base degli oli da massaggio, nelle creme doposole e nelle creme per pelli secchi date le sue presunte proprietà emollienti.

L'olio di mais è diventato molto famoso in Italia grazie all'Olio Cuore, una olio di mais raffinato che venne promosso negli anni '80 con una campagna pubblicitaria molto aggressiva, a sua volta diventata celebre per il famoso "salto della staccionata".

Olio Mais

Gli acidi grassi dell'olio di mais

L'olio di mais contiene una grande quantità di acidi grassi polinsaturi, ed è per questo motivo che viene promosso come "olio della salute", perché i grassi polinsaturi eserciterebbero una funzione protettiva nei confronti delle arterie.

In realtà, tuttavia, gli acidi grassi contenuti nell'olio di mais sono in prevalenza gli omega 6 (acido linoleico), molto meno importanti rispetto agli omega 3 contenuti nel pesce o in altri oli vegetali (soprattutto nell'olio di lino). Ormai vi è un consenso abbastanza diffuso tra i ricercatori, sul fatto che il rapporto tra i grassi omega 6 e omega 3 vada ridotto, perché è mediamente troppo elevato nella popolazione.

Acidi grassi Quantità (g)
Grassi saturi totali 14.96
C4:0\÷C10:0 0.00
C12:0 (laurico) 0.00
C14:0 (miristico) 0.57
C16:0 (palmitico) 11.69
C18:0 (stearico) 2.30
C20:0 (arachidico) 0.40
C22:0 (beenico) 0.00
Grassi monoinsaturi totali 30.66
C14:1 (miristoleico) 0.00
C16:1 (palmitoleico) 0.40
C18:1 (oleico) 29.88
C20:1 (eicosaenoico) 0.19
C22:1 (erucico) 0.19
Grassi polinsaturi totali 50.43
C18:2 W6 (linoleico) 49.83
C18:3 W3 (linolenico) 0.60
C20:4 W6 (arachidonico) 0.00
C20:5 W3
(eicosapentaenoico - EPA)
0.00
C22:6 W3
(docosaesaenoico - DHA)
0.00
Rapporto Polinsaturi/Saturi 3.40

L'olio di mais in cucina

 

 

 

L'olio di mais raffinato ha un punto di fumo piuttosto elevato (230 gradi circa) e quindi può essere utilizzato come olio per frittura, tuttavia è sempre meglio utilizzare oli meno insaturi per friggere, come quello di arachide, di soia o anche di palma.

L'olio di mais non raffinato è praticamente impossibile da trovare, sia in Italia che all'estero (è forse l'olio non raffinato che desta il minor interesse in assoluto sia da parte dei consumatori, che dei produttori).

Concludendo, l'olio di mais non è un olio interessante né dal punto di vista salutistico, né per utilizzi specifici in cucina.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Molluschi cefalopodi

I molluschi cefalopodi, i Supermolluschi, di cui fanno parte 5 specie molto importanti per l'alimentazione umana.


Maionese

La maionese: storia, preparazione, ricetta casalinga.


Acido fitico e fitati in crusca, legumi e cereali: sono pericolosi?

L'acido fitico e i fitati sono sostanze contenute nella crusca, nei semi oleosi, nei legumi e nei cereali, che possono comportare carenze di ferro e zinco. C'è da preoccuparsi?


Molluschi bivalvi

I molluschi bivalvi: caratteristiche, varietà e curiosità di questo affascinante mondo animale.

 


Istamina negli alimenti: cos'è e quali sono i danni dell'intossicazione da ammine biogene

L'istamina è una delle ammine biogene che possono contaminare gli alimenti e dare origine a malattie a comparsa improvvisa: ecco come evitare di ingerirla.


Patate

Le patate: arrivate nel Cinquecento in Europa sono uno degli ingredienti di base della cucina italiana e di tutto il mondo.


Insalata

L'insalata: un mix di alimenti, non solo ortaggi, che vengono conditi con olio, sale e aceto e consumato freddo.


Ginger ale e Ginger beer

Ginger ale e Ginger beer, due soft drinks al gusto di zenzero.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.