Aguglia

L'aguglia, o belone belone, è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia delle Belonidae. Ha una forma affusolata, molto simile a quella dell'anguilla, di una lunghezza che varia da un minimo di 30 cm ad un massimo di 90 cm.

L'aguglia possiede un becco molto lungo e caratteristico ed ha denti molto robusti tipici dei pesci predatori. Si nutre prevalentemente di sardine e alici. La livrea è di un grigio scuro sul dorso e di un grigio chiaro sul ventre ed il suo scheletro osseo è di colore azzurro-verdastro.

Le sottospecie di aguglia

Le sottospecie esistenti dell'aguglia sono:

  • Belone belone belone: l'aguglia comune
  • Belone belone acus o Tylosurus acus: l'aguglia imperiale, che può raggiungere anche i 3 metri di lunghezza ed ha una pinna dorsale molto sviluppata simile ad una vela
  • Belone belone gracilis
  • Belone svetovidovi: l'aguglia di Svetovidov, che si distingue dall'aguglia comune per il fitto numero di denti sulle mascelle

Zone di diffusione dell'aguglia

Aguglia

L'aguglia si trova comunemente nel Mar Mediterraneo, nell'Oceano Atlantico orientale, nelle zone costiere intorno alle isole Canarie, alle Azzorre, alle isole di Madeira e di Capo Verde, nonché nel Mar Nero e nel Mar d'Azov. L'aguglia è una specie pelagica costiera, che nuota vicino alla superficie, talvolta guizzando fuori dall'acqua e vive in branchi sempre in movimento.

Tecniche di pesca all'aguglia

L'aguglia è ampiamente pescata sia da pescatori sportivi con la tecnica della traina e dello spinning, che da pescatori professionisti con reti da circuizione, reti da traino pelagiche e lampare. In Italia viene catturata soprattutto al Sud dove è stata creata una rete speciale chiamata "agugliara" ideale per questa specie.

 

 

La maggiore quantità di aguglie la si trova in primavera, quando gli esemplari femmina si avvicinano al litorale per la riproduzione.

Il consumo di aguglia

Le carni dell'aguglia sono discrete, non molto ricercate, perché risultano un po' stoppose e molto spinose, inoltre il colore verde della lisca può impressionare il consumatore. In Italia l'aguglia viene consumata soprattutto al sud, cucinata fritta, ma anche al forno o al pomodoro.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA)

Gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) sono sostanze cancerogene che si sviluppano a causa delle alte temperature e quindi anche nella preparazione di svariati alimenti.


Valeriana o songino

Valeriana: un tipo di lattuga da non confondersi con la valeriana officinalis. Scopriamo le sue proprietà e come utilizzarla in cucina.


Diossine e PCB: cosa sono e come difendersi dai rischi alimentari

Le Diossone e i PCB sono tra i contaminanti ambientali e alimentari più pericolosi: ecco come arrivano nel cibo e come evitarli.


Vini Supertuscan

Supertuscans: i grandi vini rossi toscani che hanno deciso di fare a meno delle denominazioni Doc e Docg.

 


Vino rosé Pamplemousse

Vin de Pamplemousse, la bevanda a base di vino e succo di pompelmo che viene dalla Francia.


Vino blu (Gik)

Il primo vino blu del mondo (prodotto dalla compagnia Gik), realizzato a tavolino da un'azienda spagnola, ha destato scalpore e curiosità.


Burrolì: no grazie!

Burrolì: il surrogato del burro fatto con olio di riso, burro di cacao e olio extravergine, che pretende (a torto) di essere un ottimo sostituto del burro.


Furano negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarlo

Il furano è una molecola potenzialmente cancerogena per l'uomo: scopriamo dove si trova e come evitarlo negli alimenti..

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.